News Politica

Report globale: prima volta in 8 anni che libertà di stampa non è in calo

Egypt Independent (01/05/2012). Mentre regimi autoritari durati decenni cadevano o allentavano la presa in Paesi come Myanmar, l’Egitto, la Libia e la Tunisia, la libertà di stampa si è guadagnata “nuovi precari punti d’appoggio” nel corso del 2011. Questo è quanto emerge dal report annuale della Freedom House, termometro della libertà di stampa a livello globale. Per la prima volta dopo 8 anni, la libertà di stampa globale non si mostra in declino.

Il report è stato diffuso oggi, a due giorni dalla Giornata mondiale per la Libertà di stampa, proclamata dalle Nazioni Unite per il 3 maggio. Dalle analisi di due autrici del report, Karin Deutsch Karlekar e Jennifer Dunham, si apprende che la Primavera Araba ha dato nuovo respiro ai media in Paesi come Egitto, Tunisia e Libia. “Le nuove brecce aperte nell’ambiente dei media in questi Paesi, anche se finora modeste e lontane dalla perfezione, sono cruciali per il futuro dello sviluppo democratico nella regione, e vanno dunque alimentate e protette”: questo l’invito giunto da parte di David J. Kramer, presidente della Freedom House.

Il Medio Oriente, così come la Cina ed i regimi autoritari dell’Africa, hanno spesso censurato le notizie relative alla Primavera Araba. Come dice lo stesso report, in Uganda, Angola e Djibouti “le autorità hanno smantellato, a volte in modo cruento, le operazioni dei giornalisti che diffondevano le notizie circa le manifestazioni di protesta”.


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz