Iran Zoom

Il gioco che ha messo l’Iran in un vicolo cieco storico.

Amir Taheri. Asharq al-Awsat 12 marzo 2021

“Non vale un secchio pieno di sporcizia!” Questo è il modo in cui il presidente degli Stati Uniti Truman ha descritto la vicepresidenza quando lui stesso ha ricoperto quella funzione sotto il presidente Roosevelt.

Oggi, alcuni commentatori ritengono che la sua descrizione colorata potrebbe essere applicata alla funzione di presidente in Iran.

Questo è il motivo per cui molti, anche tra i critici del regime, insistono sul fatto che mostrare un qualche interesse per le elezioni presidenziali di quest’anno, previste per il prossimo giugno, non è solo una perdita di tempo, ma una partecipazione attiva a un enorme imbroglio politico.

Quanto sono rilevanti tali analisi?

A dire il vero, il sistema messo in atto da Ayatollah Ruhallah Khomeini e dal suo gruppo potrebbe essere tutt’altro che repubblicano. In effetti, quello che abbiamo in Iran oggi è una forma di “Imamato” del tipo che esisteva nello Yemen del Nord sotto gli imam al-Hamidiyyin. Durante le rivolte del 1978-79 contro la monarchia costituzionale iraniana, né Khomeini né nessuno dei suoi più stretti collaboratori parlarono di un sistema repubblicano.

Il loro slogan era “governo islamico” (Hokumat Eslami in persiano).

Al di là di questo slogan, hanno descritto il loro sistema ideale come un sistema basato su Wilayat al-Faqih (il governo del teologo), le cui versioni successive sono state presentate dai talebani in Afghanistan, il califfato di Daesh (ISIS) a Mosul e Raqqa e Boko Haram in Africa occidentale.

Tuttavia, poiché l’Iran sotto lo Scià aveva sviluppato una classe media abbastanza ampia e parzialmente occidentalizzata, la pillola offerta dai mullah doveva essere addolcita con parole come “repubblica”, “presidente” e costituzione.

Ma non appena i mullah avevano acquisito il controllo delle vere leve del potere, il rivestimento di zucchero veniva rimosso.

Il primo presidente eletto della Repubblica islamica è stato licenziato sommariamente con un editto di nove parole di Khomeini e il suo slogan elettorale “Giustizia sociale ed economica” si è trasformato in un brutto scherzo.

Il secondo “presidente”, Muhammad-Ali Rajai, è stato assassinato poche settimane dopo la vittoria elettorale con lo slogan: Tutta la vita nella Via di Allah!

Il terzo “presidente”, Ali Khamenei, allora un semplice Hojat al-Islam, ha cercato di apparire rilevante ma è stato rapidamente messo al suo posto da Khomeini e ha trascorso il suo periodo di otto anni a tenere il broncio in disparte o in viaggio verso la Corea del Nord e l’Africa nera.

Il quarto “presidente”, Ali Akbar Hashemi Rafsanjani, un uomo d’affari che per l’occasione si è trasformato in un Hojat al-Islam, ha compreso la situazione meglio di altri e, utilizzando lo slogan “Lavoro e sviluppo”, ha trascorso i suoi otto anni di mandato per espandersi il suo impero degli affari, sempre attento a non dare fastidio a al-Faqih.

Tuttavia, anche lui ha sperimentato indicibili umiliazioni, inclusa la negazione di un seggio nel Majlis islamico (il pseudo parlamento). Alcuni membri dell’entourage di Rafsanjani affermano addirittura che sia stato ucciso annegato nella sua piscina.

Il quinto “presidente” era un altro sedicente Hojat al-Islam, un manager di un’agenzia di viaggi che si è reinventato come religioso per adattarsi al modello stabilito da Khomeini. Tuttavia, il suo slogan “Un futuro migliore” non ha nemmeno funzionato per se stesso poiché, da quando si è ritirato dalla presidenza, gli è stato negato il permesso di lasciare il paese e almeno fino a poco tempo fa, il suo nome era bandito dai media statali.

Il sesto “presidente”, Mahmud Ahmadinejad, si è presentato come un populista rubacuori con lo slogan: “soldi del petrolio sulle tavole della gente”, ha supervisionato lo spreco di quasi un trilione di dollari di entrate petrolifere, che ha portato il maggior numero di miliardi nella storia dell’Iran. Tuttavia, quando ha creduto di essere il vero presidente, si è deciso subito di riportarlo al suo vero posto.

Il settimo e attuale “presidente” è un altro Hojat al-Islam dell’ultimo minuto.

Nel 1978-79 Hassan Fereidun Sorkheh si iscrisse a un corso di design tessile in uno sconosciuto college britannico. Percependo in quale direzione soffiava il vento, decise di trasformarsi in un chierico cambiando il suo nome in Rouhani (spirituale in persiano), facendosi crescere una barba sostanziosa e indossando un costume da mullah.

Il neo-coniato Hojat al-Islam Rouhani è entrato alla presidenza con lo slogan “beneficio e speranza”.

All’inizio, le cose sembravano andare bene per Rouhani. Sostenuto dai cosiddetti “New York Boys”, un gruppo di burocrati e tecnocrati istruiti negli Stati Uniti vicini al Partito Democratico degli Stati Uniti, ha goduto della benedizione del presidente Barack Obama che considerava la Repubblica islamica in Iran un governo “basato sul popolo” . L’Hojat al-Islam ha anche goduto del sostegno di diversi ex ministri del governo britannico mentre riceveva un cenno di apprezzamento dal veterano leader israeliano Shimon Peres.

Le cose sono andate male per l’Hojat al-Islam quando Donald Trump è entrato alla Casa Bianca, determinato a disfare ciò che Obama aveva fatto, bene o male. Lo scenario in cui i “New York Boys” avrebbero guadagnato abbastanza forza dal sostegno degli Stati Uniti per emarginare la “Guida suprema” e trasformare la presidenza nel vero centro del potere a Teheran è andato tutto storto.

Di conseguenza, la presidenza di Rouhani finisce come la scena di un incidente automobilistico.

Con il tasso di inflazione ufficiale superiore al 50%, la disoccupazione che oscilla oltre il 25% e oltre il 40% degli iraniani spinti sotto la soglia ufficiale di povertà, parlare di “speranza” sembra a dir poco indecente.

Lo scenario sognato da Obama era quello di vedere Rouhani e il suo “New York Boys” raggiungere un successo economico e diplomatico sufficiente a mantenere la presidenza anche dopo la fine dei suoi due mandati.

Oggi la fazione filo-americana, sostenuta anche dalla Gran Bretagna, spera ancora di rilanciare lo scenario schierando un candidato a giugno. Ma ciò richiederebbe uno sforzo molto più grande da parte del presidente Joe Biden per iniettare enormi somme di denaro nella morbosa economia iraniana, concedere importanti concessioni diplomatiche ai “New York Boys” e contribuire a creare un’atmosfera di benessere.

Anche allora, lo scenario potrebbe non funzionare.

Khamenei non vede alcun motivo per cui non dovrebbe cogliere l’opportunità di privare la presidenza delle ultime vestigia della sua rilevanza. Poteva spingere uno dei suoi tirapiedi della Guardia Rivoluzionaria, la sua principale base d’appoggio, nello spazio presidenziale e spianare la strada a uno dei suoi figli per emergere come la prossima “Guida Suprema”.

Per quasi 150 anni, la politica iraniana è stata dominata da anglofili e russofili in un sistema dominato da fazioni che si è concluso con la rivoluzione costituzionale del 1906 e il cambio della dinastia al potere nel 1925.

Oggi, siamo tornati ai vecchi tempi con le fazioni russofile e americanofile che competono per il potere all’interno di una cerchia sempre più ristretta.

I “New York Boys” guardano a Joe Biden per il salvataggio dell’ultimo minuto.

I russofili hanno inviato la loro lettera segreta “epocale” a Vladimir Putin.

Le elezioni di giugno potrebbero segnare la vittoria dei russofili che, paradossalmente, potrebbe portare sotto un certo controllo il comportamento irregolare del regime khomeinista con cenni e vittorie di Mosca.

Il prossimo giugno, l’esito peggiore sarebbe un prolungamento del tragico spettacolo di marionette che ha portato l’Iran in un vicolo cieco storico.

Amir Taheri è stato direttore esecutivo del quotidiano Kayhan in Iran dal 1972 al 1979. Ha lavorato o scritto per innumerevoli pubblicazioni, pubblicato undici libri ed è editorialista per Asharq Al-Awsat dal 1987

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità dell’autore e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet