News Palestina Società

Sandra Solomon: da nipote di un palestinese intimo di Arafat, a cristiana che difende Israele

solomon-arafat

(Times of Israel). Nipote di Saher Habash – uno dei fondatori del partito palestinese Fatah, tra i leader della seconda Intifada e intimo confidente di Yasser Arafat – Sandra Solomon è nata da musulmana a Ramallah sotto un altro nome, ma è cresciuta in Arabia Saudita, prima di trasferirsi in Canada e convertirsi al cristianesimo.

“Sono cresciuta in una casa che odiava di ebrei, osannava Hitler e l’olocausto”, ha dichiarato la Solomon in un’intervista lo scorso mercoledì. Tatuaggio con la scritta “Israele” in ebraico sotto la nuca e stella di David al collo, è diventata una sostenitrice pubblica di Israele e spera che il popolo ebraico la perdonerà per gli insulti e la demonizzazione da parte della sua famiglia e delle persone che frequentava mentre cresceva.

Famiglia che l’ha denunciata per la sua conversione che, dice la Salomon, “non è avvenuta dal giorno alla notte” e che è stata principalmente guidata dal suo essere cresciuta in Arabia Saudita: “Indossare lo hijab è la principale ragione per cui ho lasciato l’islam. E anche per lo stile di vita sotto la shari’a [legge islamica, ndr]”, ha dichiarato durante l’intervista.

La Solomon ha detto che il suo “sogno, un giorno, è andare in Israele, alzare la bandiera e salutarla”, aggiungendo che “lo Stato di Israele è stato creato per restare, non per essere cancellato”.

Ha infine aggiunto che se suo zio fosse vivo, l’avrebbe sicuramente accusata per le sue azioni e per il suo sostegno a Israele, come hanno fatto altri musulmani e palestinesi. “Continuerò a dire la verità anche se dovesse portare alla mia morte, un giorno. Almeno saprò che ho avuto l’onore di morire per la verità”, ha concluso.

 

Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet