Iraq Zoom

Ritorno volontario assistito

di Jean Marc Mojon. Your Middle East (03/04/2016). Traduzione e sintesi di Silvia Di Cesare.

Aumenta sempre più il numero di iracheni che dopo aver intrapreso un lunghissimo viaggio verso l’Europa decidono di tornare a casa. La maggior parte di loro con l’aiuto dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

Molti sono delusi e hanno speso i loro risparmi per pagare i trafficanti, ma non tutti rimpiangono di aver tentato questa odissea.

“Come si chiama quel film? Ricomincio da capo, giusto? Qui ogni giorno è lo stesso”, ha detto Murtada Ahmad di Aziziyah, la città dove è nato e che ha lasciato l’anno scorso per unirsi al flusso di migranti che hanno sfidato pericolosi stretti marini per bussare alle porte dell’Europa.

“Ti svegli al mattino, le strade sono ancora un macello, le fognature non sono state aggiustate e non c’è lavoro per nessuno”, ha detto.

La città di circa 100.000 persone a 75 chilometri (45 miglia) a sud est di Baghdad ha pochissime strade asfaltate ed è avvolta in una nuvola di polvere in estate e impantanata nel fango in inverno.

La corruzione, il nepotismo e l’incompetenza hanno reso Aziziyah l’esempio di come anni di prezzi alti del petrolio non abbiano prodotto alcun miglioramento tangibile per molti iracheni.

Murtada, un ragazzo di 26 anni con un sorriso affascinante, è finito in Erlangen, in Baviera, dove ricorda di essere rimasto colpito dalla architettura, ldale strade pulite e dai giardini pubblici curati.

Prima di andarsene, Mustafa sognava corsi di lingua e di formazione professionale, ma ora che è tornato la sensazione che gli è rimasta e che non è mai stato il benvenuto in Germania.

“Avevo un po’ paura di notte. Paura di essere arrestato o picchiato da questi ragazzi nazisti che non amano i rifugiati”, ha detto.

“Abbiamo dovuto spostarci in gruppo”, ha detto Mustafa, che viveva a Colonia, dove a Capodanno una serie di aggressioni sessuali di cui sono stati incolpati gli stranieri ha alzato le tensioni a livello nazionale contro gli oltre un milione di richiedenti asilo in Germania.

Alcuni degli iracheni che hanno lasciato il loro paese nel 2015 sono fuggiti dalle zone di combattimento o da persecuzioni, ma altri come Mustafa e Murtada stavano semplicemente scappando dalla disoccupazione.

Uno studio dei flussi di migranti provenienti dall’Iraq dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni rivela che “nessuna speranza nel futuro” è stato il motivo principale della partenza per l’80 per cento degli intervistati.

L’OIM ha anche riscontrato che il 41 per cento di loro aveva una formazione universitaria e il 53 per cento erano disoccupati.

L’organizzazione ha aiutato circa 3.500 richiedenti asilo iracheni a tornare a casa lo scorso anno come parte del suo “programma di ritorno volontario assistito”, e i numeri continuano a crescere.

I richiedenti ottengono un biglietto aereo, a volte l’assistenza in aeroporto e il successivo trasporto alla loro città natale.

In alcuni casi, i rimpatriati possono ottenere anche assistenza per il reinserimento finanziata dal paese da cui stanno tornando, e l’OIM può anche aiutarli ad avviare un’impresa nei loro Stati.

Hassan Basy non ha portato nessun souvenir da Norimberga, dove ha trascorso quattro mesi in attesa di asilo, ma ha detto che ha imparato qualcosa su se stesso.

“Il mio sogno era quello di ottenere la residenza, trovare un lavoro e fare un percorso di crescita personale”, ha detto malinconicamente.“Il primo mese lì, tutto sembrava bello, pensavo di aver avverato il mio sogno”, ha detto.“Poi però ho capito che qualsiasi cosa avessi raggiunto, sarei sempre rimasto un estraneo. Almeno qui sono circondato da persone che conosco e posso provare a ricrearmi una nuova vita”.


Silvia Di Cesare

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz