India Kashmir News Pakistan

Kashmir, India revoca lo Statuto speciale. Coprifuoco alleggerito per le preghiere del venerdì

al-Jazeera (09/08/2019) Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

Il governo indiano ha revocato lo Statuto speciale del Kashmir amministrato costituzionalmente dall’India. In quasi sette anni è stata l’azione politica di maggior portata in questa regione contesa.

Un decreto presidenziale emesso lunedì scorso, ha revocato dunque l’articolo 370 della Costituzione indiana che garantisce diritti speciali allo Stato a maggioranza musulmana, compreso il diritto a una propria Costituzione e l’autonomia a legiferare su tutte le questioni, ad eccezione della Difesa, delle Comunicazioni e degli Affari esteri.

In funzione di questa azione, l’India ha inviato migliaia di truppe supplementari nella regione contesa, imponendo un coprifuoco paralizzante, chiudendo le telecomunicazioni e Internet e arrestando i leader politici, accrescendo così le già gravi tensioni con il vicino Pakistan che ha affermato che ridimensionerà le relazioni diplomatiche con l’India.

Sia l’India che il Pakistan rivendicano totalmente il Kashmir ma lo governano in parte. I due paesi, entrambi possessori di nucleare, hanno combattuto due delle loro tre guerre sul territorio conteso. Le Nazioni Unite nel frattempo, li ha esortati alla moderazione.

Intanto oggi, il rigoroso coprifuoco in Kashmir, giunto già al suo quarto giorno, è stato alleggerito per le preghiere del venerdì, secondo quanto dichiarato dal capo della polizia Dilbagh Singh alla Associated Press:”Alla gente sarà permesso di visitare le moschee dell’area per le preghiere nella maggior parte della città di Srinagar“. Si tratta però di un alleggerimento temporaneo perché non è stato fornito alcun calendario.

Sul fronte della diplomazia, il ministro degli Esteri pakistano Shah Mahmood Qureshi, è in visita in Cina per fare pressione sull’India affinché annulli la decisione di revocare lo Statuto speciale nella regione contesa del Kashmir. Prima di partire per Pechino, Qureshi ha dichiarato che informerà “l’amico fidato” di Islamabad sulla situazione.

Il Pakistan afferma inoltre che sta prendendo in considerazione l’idea di rivolgersi alla Corte Internazionale di Giustizia per l’azione dell’India.

E mentre cresce la disperazione e la rabbia tra la gente, cala il silenzio sulle strade del Kashmir, quelle strade un tempo piene di vita, ora sono bloccate con bobine di filo spinato. Ogni strada è chiusa e la popolazione è stata costretta a rimanere in casa mentre migliaia di soldati indiani in tuta mimetica pattugliano la zona armati.

Vai all’originale


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz