I Blog di Arabpress Mille e una pagina Palestina

Fadwa Tuqan: la donna che diede voce alla Palestina, ma non solo

Fadwa TuqanFadwa Tuqan, “la poetessa della Palestina”. Le sue poesie di impegno, di lotta, di incoraggiamento verso il popolo palestinese, sono ciò per cui ricordiamo e conosciamo la poetessa.

Per me, però, è stato illuminante scoprire che i suoi componimenti su questi temi, non costituiscono la totalità della sua produzione.

Fadwa Tuqan è stata prima di tutto una donna. Una donna che ha lottato per la propria libertà personale e per i propri diritti. Solo dopo ha unito la sua voce alla protesta nei confronti di Israele, in seguito a una ricerca di sé, una presa di coscienza maturata nel corso di buona parte della sua vita.

Inutile dire come questo mi abbia letteralmente conquistato.

Ciò che più mi ha affascinato è stato, sopratutto che la vita della poetessa e le vicende palestinese sembrano non viaggiare sullo stesso binario, ma anzi percorrere direzioni opposte. O almeno fino al 1967.

Mi spiego meglio: Fadwa Tuqan nasce a Nablus nel 1917 (anche se non ci sono dati certi sull’anno esatto) ed essendo nata in una famiglia appartenente all’alta borghesia e per di più conservatrice, la sua libertà era decisamente limitata e ben presto le venne proibito persino di frequentare la scuola.

Negli stessi anni si abbatterono sulla Palestina gli accordi Sykes-Picot e la dichiarazione di Balfour, che diedero il via all’immigrazione ebrea sotto il protettorato inglese, ma che non influirono in maniera diretta sulla vita quotidiana di Nablus, almeno non subito.

Allo stesso tempo la minaccia sionista diede propulsione a movimenti nazionalisti e di emancipazione femminile che permisero alla poetessa di riprendere gli studi.

Arrivò poi la Nakba, la catastrofe del 1948. Nablus rimase sotto il controllo arabo e migliaia di profughi vi si rifugiarono in cerca di protezione. Nello stesso anno morì il padre della Tuqan.

Questa duplice disgrazia, se da un lato gettò la poetessa nello sconforto, le fece acquistare una libertà mai sperimentata prima, grazie all’assenza del padre-padrone e all’impegno sociale e politico che la situazione richiedeva. Le donne palestinesi poterono finalmente unirsi ai combattenti e rivendicare, insieme alla libertà del proprio paese, anche quella personale.

Perciò uno dei momenti più drammatici della storia palestinese, rappresenta per Fadwa Tuqan l’inizio della libertà tanto agognata.

Tutto cambia, come vi dicevo, dopo il 1967, quando ha luogo il terzo conflitto arabo-israeliano, che vede la sconfitta definitiva delle rivendicazioni palestinesi.

È solo da questo momento in poi che la poetessa iniziò a celebrare la Palestina nelle sue poesie. In seguito a quest’ultimo dramma la Tuqan e il suo Paese si riconciliano e iniziano a camminare nella stessa direzione.

Questo percorso si rispecchia perfettamente nella sua produzione poetica.

La poetessa viene iniziata alla poesia dal fratello Ibrahim, anche lui poeta politicamente impegnato nella difesa della Palestina. I primi componimenti di Fadwa Tuqan sono quasi esclusivamente incentrati sul dolore: per l’isolamento in casa, per i lutti familiari (primo fra tutti quello per il fratello Ibrahim, morto giovanissimo). Anche se viene spesso invitata a scrivere per la causa Palestinese sembra che la poetessa non riesca a farsi carico di questo compito.

Quando nel 1948 la libertà fa capolino nella vita della Tuqan, lei ne approfitta a piene mani, ma, quasi come un’adolescente, è inesperta e immatura, sia dal punto di vista personale che politico. Inevitabilmente si rivolge al sentimento che più di tutti le era stato proibito: l’amore. Mai uguale a se stesso, l’amato cambia volto, carattere, ma rimane sempre anonimo.

Nello stesso periodo iniziano i viaggi della poetessa per presenziare a conferenze e incontri sulla poesia. In una di queste occasioni incontrò Salvatore Quasimodo, il quale rimase colpito dalla Tuqan e, probabilmente, le rivolse degli apprezzamenti. La poetessa gli rispose con una poesia intitolata “Lan abi’ hubbahu” (Non venderò il suo amore), in cui declina con ironia le avance del poeta:

Io, poeta mio, ho nella mia cara patria

un innamorato che attende il mio ritorno.

È un amato compatriota, del mio paese natio;

e tutte le ricchezze del mondo,

le stelle luminose e la luna

non mi faranno mai perdere il suo cuore

o vendere il suo dolce amore.

Ma, ciò nonostante, i sentimenti ed i desideri di donna

mi fanno battere il cuore gioiosamente

al vedere le ombre d’amore negli occhi tuoi

e al sentire il loro desideroso invito.

Perdona, o caro, l’orgoglio del mio cuore

al sentirti bisbigliare dolcemente:

«I tuoi occhi sono profondi e tu sei bella!»

Essenziale nella formazione personale e artistica della poetessa fu anche il suo soggiorno in Inghilterra, dove decise anche di iscriversi ad un corso di Lingua e letteratura inglese presso l’Università di Oxford.

La scoperta di un paese diverso dal proprio dove poteva essere molto più libera fu un’esperienza elettrizzante per l’ormai quarantacinquenne Fadwa Tuqan. Dopo qualche anno, però, iniziò a vedere con disillusione anche l’Inghilterra, che dopo l’entusiasmo iniziale, si rivelò un Paese estraneo. Significativa è questa poesia senza titolo:

Brutto tempo; e il nostro cielo è sempre coperto di nebbia.

Ma dì, di dove sei signorina?

Una Spagnola, forse?

– No, sono della Giordania.

– Scusami, della Giordania, dici?

Non capisco!

– Sono delle colline di Gerusalemme; della Patria della luce e del sole!

– Oh, oh! Capisco; sei un’ebrea!

Ebrea?

Che pugnalata mi ferì al cuore!Una pugnalata tanto crudele e tanto selvaggia!

Tornata finalmente in Palestina, fu allora che iniziò ad impegnarsi attivamente per il suo Paese e diventò realmente una degli esponenti più significativi della letteratura palestinese.

Vi voglio lasciare con una delle poesie a me più care di questo periodo. Si intitola Madinati al-hazina (La mia triste città):

Il giorno in cui vedemmo la morte e il tradimento

l’alta marea si ritirò,

e finestre del cielo si chiusero

e la mia città perse il fiato.

Il giorno in cui si ritirarono le onde

e le bruttezze dei precipizi volsero il volto verso il sole,

s’infiammarono gli occhi della speranza

e la mia triste città

si soffocò di tormento.

Sparirono bimbi e canzoni,

non più ombre né più echi,

e la tristezza andava nuda in mezzo alla mia città

s’accovacciò come alte montagne,

come la notte, il silenzio tragico,

appesantito dalla morte e dalla sconfitta.

O mia triste e silenziosa città!

Così, nella stagione della mietitura

s’incendiano messe e frutti?

Ahimè! Che brutta fine del cammino!

Buona lettura!