News Politica

Siria: osservatori a Qubeir (Hama)

The National.ae (08/06/2012). Gli osservatori ONU con base ad Hama si sono spinti ieri nella città di Qubeir – 20 km a ovest della città – nel tentativo di fare luce su quanto accaduto mercoledì. Il resoconto fornito dal Consiglio nazionale siriano parla di 78 morti, di cui 35 appartenenti a una stessa famiglia, e più della metà sarebbero donne e bambini. Gli osservatori hanno descritto uno scenario simile a quello del massacro di Hula perpetrato il 25 maggio scorso: prima è stata usata l’artiglieria, poi le esecuzioni a distanza ravvicinata. Il generale Robert Mood, a capo della missione ONU in Siria, ha riferito che agli osservatori giunti a Qubeir è stato impedito di inoltrarsi nell’area coinvolta dal massacro.

 

“I checkpoint militari li hanno fermati, e in alcuni casi hanno detto loro di tornare indietro”, questo quanto dichiarato dal generale, che ha aggiunto: “Alcune delle nostre pattuglie, invece, sono state bloccate da civili. Nonostante tali difficoltà,” ha concluso, “gli osservatori stanno ancora lavorando affinché riescano a entrare nel villaggio, per tentare di stabilire cos’è veramente accaduto”. Dai residenti sarebbe giunta la messa in guardia sul fatto che “l’incolumità degli osservatori potrebbe essere a rischio una volta entrati nel villaggio di Mazraat al-Qubeir”. Come riportato dal segretario ONU, Ban Ki Moon, gli osservatori si sarebbero già trovati sotto l’attacco di armi leggere mentre cercavano di entrare nell’area.


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz