Egitto Politica Zoom

Libia, Algeria, Sudan: le tre crisi che preoccupano il Cairo

di Julie Kebbi L’Orient-Le jour (11/04/2019) Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

Le tre crisi vicine e simultanee rappresentano tre diverse sfide per lo Stato egiziano.

L’Egitto non sa più a chi rivolgersi. Nessun altro paese arabo è cosi preoccupato per i tre principali eventi che stanno attualmente agitando la regione: le proteste in Sudan e Algeria e i combattimenti in Libia. Di fronte alla crescente instabilità da Algeri a Khartoum, via Tripoli, il Cairo teme che i disordini che stanno scuotendo i suoi vicini trabocchino all’interno dei suoi confini.

Il Sudan affronta le proteste lanciate quattro mesi fa contro l’aumento del prezzo del pane e contro il presidente sudanese Omar al-Bashir. La protesta algerina contro un nuovo mandato del presidente Abdelaziz Bouteflika ha fatto cadere in meno di sei settimane l’uomo che aveva tenuto le redini del paese per vent’anni. Lunedì scorso, il parlamento algerino ha nominato Abdelkader Bensalah presidente in carica per 90 giorni. Infine, la Libia, immersa nel caos dopo la caduta della “guida” libica Muammar Gheddafi, è al centro di una lotta di potere feroce tra le forze del governo nazionale libico, guidato da Fayez al-Sarraj, e le forze dell’Esercito nazionale libico guidato dal maresciallo Khalifa Haftar.

Tre crisi vicine e simultanee che rappresentano tre diverse sfide per lo Stato egiziano. “Il ritiro di Bouteflika in Algeria ha forti parallelismi con quanto accaduto in Egitto nel 2011 e il governo egiziano si augura senza alcun dubbio che l’esercito algerino manterrà la sua presa e non permetterà un’autentica transizione politica”, ha sottolineato Michele Dunne, ricercatrice e direttrice del Carnegie Institute Middle East Program a Washington, contattata da L’Orient-Le Jour. Otto anni dopo la tempesta della primavera araba che aveva infiammato la famosa piazza Tahrir al Cairo, il governo egiziano teme che la sete di democrazia e trasparenza degli algerini resusciterà una contestazione finora arginata dall’autocrazia egiziana. “Una nuova ondata di insurrezioni in Egitto, come nel 2011 o nel 2013, potrebbe indebolire il regime e renderlo vulnerabile a una nuova crisi con implicazioni e collegamenti con altre tensioni regionali – come in Libia o in Mali”, afferma a l’OLJ Giuseppe Dentice, ricercatore associato presso il Centro del Medio Oriente e del Nord Africa presso l’Istituto italiano di studi politici internazionali.

“Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi, non vorrà vedere i governi democratici emergere in uno di questi tre paesi, in quanto ciò sarebbe in contrasto con la sua linea e lo priverebbe degli alleati regionali”, dice Michele Dunne. Il leader egiziano sta cercando di consolidare il suo potere soprattutto a lungo termine, mentre una commissione parlamentare ha approvato una serie di emendamenti alla costituzione egiziana per consentirgli di continuare il suo mandato fino al 2034. Anche la repressione contro gli attivisti ultimamente si è intensificata. Commentando implicitamente la situazione nei paesi limitrofi, il presidente egiziano ha denunciato le “persone che parlano della situazione economica e delle condizioni di vita, e quindi rovinano il loro paese e lo portano a perdere”. “Tutto questo ha un prezzo”, ha insistito all’inizio di marzo in una cerimonia in memoria dei “martiri” della guerra, prima di aggiungere che “il popolo, i bambini e le generazioni future pagheranno quel prezzo, il prezzo della mancanza di stabilità”.

Parole che valgono anche per la crisi del Sudan. Anche se il Sudan e l’Egitto hanno avuto relazioni complicate per diversi decenni, Abdel Fattah al-Sisi non ha tuttavia esitato a sostenere Omar al-Bashir durante una visita al Cairo lo scorso gennaio.  Una scelta di notevole peso per il leader sudanese, al suo secondo viaggio fuori dal paese dopo una tappa in Qatar. La stabilità del Sudan è di grande interesse sia per il presidente Bashir che per il suo omologo egiziano, dal momento che i due paesi condividono un confine che copre quasi 1.300 chilometri. Khartoum rappresenta, in particolare, una mappa delle dimensioni del conflitto tra Etiopia ed Egitto intorno alla costruzione di una diga idroelettrica etiope sul Nilo Azzurro.

Il progetto minaccia le acque del fiume in Egitto, che teme di vederne diminuire il flusso. La diga dovrebbe essere inaugurata il prossimo anno ma le tensioni stanno aumentando tra Addis Abeba e il Cairo, sollevando il timore di uno scontro militare tra i due paesi. In particolare, l’Egitto, l’Etiopia e il Sudan hanno concordato nel maggio 2018 di costituire un gruppo di ricerca scientifica per esaminare il riempimento delle dighe. Pertanto, “i problemi in corso o l’instaurazione di un nuovo governo meno favorevole al Cairo rappresenterebbero un grosso problema” per il regime egiziano, afferma Michele Dunne. Tuttavia, di fronte alle crescenti tensioni in Sudan, “una delegazione dell’intelligence egiziana si è recentemente recata a Khartoum per cercare di aiutare a gestire l’attesa transizione da Bashir – che al-Sisi ha cercato di sostenere – a un altro leader militare”, aggiunge Dunne.

Tuttavia, è in Libia che l’Egitto ha investito di più. Il terreno “rappresenta un importante punto per la stabilità del paese e per la legittimità politica” del presidente Sisi, osserva Giuseppe Dentice. Il presidente egiziano “è in grado di ignorare la Tunisia, un piccolo paese, ma una esperienza democratica in Sudan, Libia o Algeria rappresenterebbe una grande sfida”, afferma Michele Dunne. “Lui ei suoi alleati nel Golfo (Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita) potrebbero usare il loro potere economico e militare per cercare di impedire che ciò accada – in realtà, lo stanno già facendo ora cercando di installare un altro uomo forte militare in Libia”, aggiunge.

Il Cairo non ha esitato a inviare truppe e aerei per sostenere le forze del maresciallo Khalifa Haftar, a fianco degli Emirati Arabi Uniti e della Russia. Soprannominata la “Sisi libica”, Khalifa Haftar rappresenta in particolare un baluardo contro il terrorismo e la Fratellanza musulmana agli occhi del Cairo. Un nemico comune che è la bestia nera del leader egiziano, salito al potere nel 2014 a seguito di un colpo di stato contro Mohammad Morsi, proveniente dalla stessa formazione.

“Il confine orientale della Libia è diventato un rifugio relativamente sicuro per le milizie islamiche, dove le armi illegali e i militanti possono circolare liberamente dalla Libia alla penisola del Sinai”, afferma Giuseppe Dentice. Avendo il controllo sulla Libia orientale, le forze di Haftar porterebbero una certa stabilità al confine con l’Egitto. Il maresciallo, tuttavia, ha alzato la posta questa settimana lanciando l’offensiva su Tripoli, nelle mani delle rivali forze libiche. Sebbene per il momento l’iniziativa non abbia dato i suoi frutti, mette però in risalto le ambizioni di Haftar e minaccia l’attuazione di un piano di pace sotto la guida dell’ONU. Conformemente agli interessi del Cairo, una vittoria a Tripoli gli consentirebbe di ottenere il controllo della maggioranza del paese e aprire la strada per l’istituzione di un regime autoritario. Già l’anno scorso, Khalifa Haftar ha dichiarato al quotidiano Jeune Afrique che “la Libia di oggi non è ancora matura per la democrazia”. Parole che certamente non negherebbe al-Sisi il quale, nel 2014, ha dichiarato che “occorrerebbero 20 o 25 anni perché l’Egitto stabilisca una vera democrazia”.

Vai all’originale


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz