Libano Politica Zoom

Libano, tre scenari possibili dopo le dimissioni di Hariri

di A.T. L’Orient-Le Jour (29/10/2019) Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

Il presidente Michel Aoun, costituzionalmente obbligato ad accettare queste dimissioni, dovrà intraprendere consultazioni parlamentari obbligatorie.

Secondo fonti politiche, dopo le dimissioni di ieri del Primo Ministro Saad Hariri, fortemente ostacolate da Hezbollah, si profilano ora tre scenari possibili. Il Capo dello Stato Michel Aoun, costituzionalmente tenuto ad accettarle, dovrà intavolare consultazioni parlamentari obbligatorie. Dopo queste consultazioni, Aoun potrà nuovamente incaricare Hariri di formare un governo che potrebbe essere un gabinetto di esperti o personalità neutrali di riconosciuta probità, il che significherebbe che il leader dello Stato e in particolare i suoi alleati Hezbollah e il resto del campo dell’8 marzo, potrebbero risentire della pressione della rivolta.

Al contrario, un altro scenario potrebbe essere il confronto con l’insurrezione popolare: una personalità sunnita allineata al campo dell’8 marzo, potrebbe ricevere l’incarico di formare il governo e si andrebbe verso la repressione del movimento pacifico, secondo la stessa fonte. Alcuni analisti politici sottolineano che Hezbollah, attaccando ieri i manifestanti, abbia dato un assaggio delle misure che potrebbe prendere.

Infine, il terzo scenario ipotizzato da queste fonti, potrebbe essere un nulla di fatto, ovvero, non verrà formato nessun governo e Hariri continuerà a curare gli affari di ordinaria amministrazione.

Vai all’originale


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz