News Politica

Libano: Joe Sacco, tra arte e giornalismo

SaccoThe Daily Star Lebanon (13/05/2013).  “Non posso fingere, non sono oggettivo su certi argomenti. In alcune situazioni vi è un oppresso ed un oppressore, il mio compito è quello di dare voce agli oppressi”. La letteratura del grafico maltese Joe Sacco è rinomata per la sua riluttanza a piegarsi alla nozione giornalistica di obiettività: descrivere le due facce della storia, ugualmente ripartite.

“Il problema con il giornalismo è che di solito è una mera rappresentazione dei fatti, un giorno dopo l’altro” ha dichiarato il fumettista. ” Un articolo di giornale potrebbe essere corretto, anche senza dare al lettore un senso del ‘perché'”.  L’inseguimento del perché è l’obiettivo di Joe, l’attenzione delle grandi e piccole sfaccettature della storia con lo scopo di capire e spiegare le tragedie quotidiane del mondo.

Joe Sacco fa parte del gruppo di scrittori e letterati che parteciperanno all’Hay Festival di Beirut.  Sacco è sempre stato affascinato dalla rappresentazione che i media davano del Medio Oriente e i suoi viaggi lo portarono nella Gerusalemme occupata.

“L’unica volta che ho sentito la parola palestinese”  ricorda  “era in occasione di un attacco terroristico, come risultato sono cresciuto con l’idea che i palestinesi fossero terroristi. Ho dovuto educare me stesso per la questione palestinese”. Dopo due mesi di permanenza in Palestina i suoi quaderni erano pieni di disegni, Palestina fu pubblicato in nove episodi tra il 1993 ed il 1995.

Anche se i fumetti per adulti possono prestarsi all’esagerazione, i personaggi  di Sacco sono solidi e la loro lingua è chiara. ” Io credo che un giornalista dovrebbe essere onesto, raccontare esattamente quello che lui o lei sta vedendo o sentendo”.


Silvia Di Cesare

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz