Marocco News Società

Marocco: IKEA pronta ad aprire le sue porte al pubblico entro la fine di dicembre

marocco ikea

Al-Youm 24 (15/12/2015). Traduzione e sintesi di Maddalena Goi.

Dopo che le autorità marocchine hanno impedito l’apertura del negozio Ikea a settembre scorso, a causa della mancanza del certificato di conformità, una fonte di Al-Youm 24  ha confermato che la società ora risponde a tutti i prerequisiti e le condizioni tecniche che le sono state richieste dal comune di Zenata e dal ministero dell’Interno, che le avevano impedito l’apertura del centro commerciale nei tempi previsti.

La fonte ha anche aggiunto che la società è in attesa soltanto del rilascio del certificato di conformità dal gruppo Ain Harrouda per aprire il negozio situato nel complesso di Zenata, nella regione di Casablanca. È molto probabile che il permesso verrà concesso nei prossimi giorni.

Una fonte interna a IKEA ha riferito che l’apertura del centro è prevista entro la fine del mese di dicembre. Intanto i lavori all’interno del centro commerciale sono ancora in pieno svolgimento.

Le autorità locali avevano vietato l’apertura del negozio IKEA nel mese di settembre scorso, in concomitanza con la crisi diplomatica tra Rabat e Stoccolma a causa della volontà del governo svedese di riconoscere il Polisario. L’annuncio, emesso dal ministero degli Interni il 29 settembre scorso, dichiarava che le autorità avevano vietato l’apertura del centro IKEA per la mancanza di una licenza necessaria e le autorità di Casablanca sostengono che l’annuncio della nuova data di apertura del punto vendita non è necessaria all’amministrazione marocchina, ma dipende principalmente dalla società europea.

È stato il gruppo kuwaitiano Al-Homeizi a lanciare il progetto svedese in Marocco, delineando un investimento di 450 milioni di dirham su un’area di 26.600 metri quadrati. Ha inoltre previsto la creazione di 1.400 posti di lavoro con l’assunzione di 400 dipendenti a tempo indeterminato, oltre all’integrazione e la formazione di 40 persone con esigenze speciali.

Vai all’originale