Zoom

Bruxelles paga il prezzo degli errori politici

Di Moataz Bellah Abdel-Fattah, Daily News Egypt (23/03/2016) Traduzione e sintesi dii Chiara Cartia

In Europa, quando viene sferrato un attacco terroristico, la colpa ricade immediatamente sui musulmani, ancor prima che siano state svolte indagini. Come ho già scritto: “Pagano il prezzo dei nostri errori politici”.

La mia prima considerazione è che l’albero del terrorismo attecchisce solo in una foresta di estremismo. Chi combatte il terrorismo senza prendere in conto l’estremismo è destinato a perdere entrambe le battaglie.

Se sapessimo che il fumo causa il tumore, sarebbe illogico fornire sigarette a prezzo minimo per poi curare i pazienti di cancro.

Questo, però, è quello che fanno i paesi occidentali: chiudono gli occhi e permettono all’estremismo di fiorire in un ambiente in cui la libertà di religione, di opinione, di espressione e di asilo politico vengono protetti, e poi pagano lo scotto di quegli stessi estremisti che vivono nel loro territorio.

La mia seconda osservazione è che l’”islamizzazione politica” sia necessaria ma non sufficiente a fermare il terrorismo politico.

Considerando il numero di terroristi e di operazioni terroristiche nel mondo, si può dedurre che la maggioranza dei musulmani non sono terroristi ma che la maggior parte dei terroristi sono islamizzati.

I musulmani in prevalenza non sono terroristi perché capiscono l’essenza della loro religione, che ordina loro di seguire la volontà di Dio e combattere solo chi combatte contro di loro.

I versetti che incitano i credenti alla lotta sono stati rivelati in un contesto di battaglia. La regola originale è: “E se sono inclini alla pace, allora siate inclini alla pace anche voi e affidatevi a Dio”.

In questo contesto, è emerso un gruppo di individui islamizzati che si reclamano migliori degli altri, dei “super musulmani” a tutti gli effetti. Chi non segue il loro modus operandi, viene relegato nella categoria delle “persone che non applicano la legge di Dio” e per questo meritano di essere uccisi.

L’islamizzazione, in questo senso, è una condizione necessaria per diventare un terrorista. E’ un processo che porta all’odio, alla distorsione degli altri. Si prende un segmento della società e si disumanizza, facilitando così la decisione di uccidere chi ne fa parte. L’islamizzazione è una condizione necessaria per il musulmano che vuole convertirsi al terrorismo. E’ essenziale quanto il superamento di un esame per uno studente. Tuttavia, l’islamizzazione non è una condizione sufficiente, perché alcuni individui islamizzati, per via della loro educazione, delle circostanze o della loro virtù, non adottano la violenza anche se sono inclini a giustificarla. Alcuni di loro, purtroppo, approfittano della libertà di religione, opinione ed espressione per adottare l’estremismo, fornendo un ambiente adatto a chi dall’estremismo passa al terrorismo.

Terrorismo= estremismo + violenza.

In terzo luogo, voglio dire che il terrorismo ci colpisce tutti quindi tutti dovremmo contrastarlo.

L’occidente dovrà affrontare lo stesso destino dell’Egitto e del Medio Oriente. Il nodo che l’Occidente non riesce a sciogliere è che si presenta come un focolaio per l’estremismo ma poi rimane scottato dal terrorismo.

In quarto luogo, mi sento di dire che i terroristi sono stupidi. Fanno sì che tutti si coalizzino contro di loro.

Qualsiasi gruppo terrorista, ivi incluso Daesh, perpetra attacchi ad ampio raggio: contro gli  iracheni, i siriani, i turchi, gli americani, gli iraniani, gli egiziani e i russi. Immaginano di poter sconfiggere tutti ma come risultato, tutti vogliono eliminarli.

Il dilemma è che nessuno trasforma questo assunto in una strategia per lottare contro il terrorismo e la violenza estremista.

Si combatte invece i terroristi considerandoli come fossero individui o gruppi. Alcuni paesi nel mondo sovvenzionano gli estremisti e i terroristi, convinti che servano i loro interessi ma presto si accorgeranno che rimarranno scottati dal fuoco terrorista.

Moataz Bellah Abdel-Fattah è un professore egiziano di scienze politiche. Ha lavorato precedentemente come consigliere del primo ministro egiziano e come professore di scienze politiche alla Cairo University e alla Central Michigan University.

 Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Silvia Di Cesare

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz