News Politica

Siria: il Qatar vuole la testa di Lakhdar Brahimi

brahimi_0El Watan (03/05/2013). L’inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba, il diplomatico algerino Lakhdar Brahimi, si trova ad affrontare una grossa pressione da parte del Qatar e degli altri paesi del Golfo che lo spingono a gettare la spugna. Secondo quanto affermato da una fonte vicina al caso, Brahimi rappresenterebbe ormai il primo obiettivo di Doha e Riyad.

I ricchissimi emirati arabi non sopportano più il freno che Brahimi impone alla loro volontà di armare i ribelli siriani. “Essi vogliono le sue dimissioni perché il suo lavoro disturba la loro agenda, richiamandoli sempre all’ordine, impedendo di armare il conflitto e continuando ad ostinarsi a cercare una soluzione pacifica sulla base degli accordi di Ginevra” ha rivelato una fonte.

Nonostante Brahimi benefici dell’appoggio del Segretario Generale dell’ONU Ban Ki Moon , degli Stati Uniti e della Russia, il Qatar non rinuncia alle sue manovre che mirano ad ottenere le sue dimissioni  “costi quel che costi”.

About the author

Silvia Di Cesare

Add Comment

Click here to post a comment