News Politica Tunisia

Tunisia: islamisti accettano piano per dimettersi

Tunisia IslamistiAsharq al-Awsat (28/09/2013). Il governo islamista tunisino ha accettato di dimettersi dopo le negoziazioni con l’opposizione laica che avranno inizio la prossima settimana. L’obiettivo è formare un’amministrazione ad interim in vista delle elezioni.

Le negoziazioni intendono porre fine a settimane di crisi in cui sono stati coinvolti il governo a guida islamista e l’opposizione laica che hanno minacciato la transizione democratica del paese nord-africano.

Il potente sindacato tunisino UGTT, mediando tra le due parti, ha proposto al partito islamista Ennahda di accettare tre settimane di negoziazioni dopo le quali dovrebbe dimettersi e lasciar posto a un’amministrazione ad interim e fissare una data per le nuove elezioni.

Secondo un funzionario di Ennahda, il partito ha accettato il piano senza porre condizioni per tenere il Paese fuori dalla crisi politica che è scoppiata nel mese di luglio quando, dopo l’uccisione di un leader dell’opposizione da parte di presunti militanti islamisti, quest’ultima è scesa in piazza per chiedere al governo di fare un passo indietro.

Da quando Ben Ali è stato rovesciato, la Tunisia si è divisa sul ruolo politico dell’Islam. L’opposizione, di fatto, accusa Ennahda di imporre un’agenda islamista in una delle nazioni più laiche del mondo musulmano.


Ilaria Antoniello

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz