Russia Siria Zoom

Siria e Russia: da alleato a padrone

Di Lina Khatib. Middle East Eye (15/03/2016). Traduzione e sintesi di Silvia Di Cesare.

L’annuncio di Vladimir Putin del ritiro delle truppe russe dalla Siria è stata una sorpresa per molti, ma non è che l’ultimo episodio di affermazione di Mosca del suo potere nei confronti del regime di Bashar al-Assad.

L’annuncio coincide con l’ultimo round di colloqui a Ginevra e con il quinto anniversario della rivolta siriana. Ad oggi il regime siriano non appare più come un semplice alleato russo, ma è diventato un cliente che si prevede debba agire secondo la volontà di Mosca, o prepararsi a far fronte a gravi conseguenze.

L’annuncio del ritiro non è la prima occasione in cui Mosca cerca di fare pubblicamente pressione ad Assad. Il mese scorso, c’è stata una situazione di stallo tra Bashar al-Assad e l’inviato russo delle Nazioni Unite Vitaly Churkin, situazione che è stata interpretata da molti come l’indicazione di una crepa nell’alleanza russo-siriano. In un’intervista televisiva, Assad aveva dichiarato la sua intenzione di recuperare tutta la Siria. Questo annuncio ha innescato un rimprovero pubblico da parte di Mosca, arrivato con le parole di Churkin.

In un’intervista con un giornale russo, Churkin aveva dichiarato che la dichiarazione di Assad “contraddice ovviamente gli  sforzi diplomatici della Russia” e che “se il governo siriano segue la leadership della Russia nel gestire questa crisi, allora avrà la possibilità di uscirne con dignità. Se, al contrario, si allontana da questo percorso si creerà una situazione difficile, che coinvolgerà anche loro “Ma la risposta di Churkin non è un’affermazione di uno scisma tra Mosca e Damasco; piuttosto, è un’affermazione di superiorità della Russia nei confronti del regime siriano. In altre parole, si sta mettendo Assad al suo posto.

Da alleato a cliente

Il rapporto formale tra Mosca e Damasco è ora quello in cui Putin si aspetta pieno rispetto da Bashar al-Assad, e non perde occasione per ricordarglielo pubblicamente.

Mosca ha affermando che senza il suo intervento in Siria nel corso degli ultimi mesi, il regime di Assad sarebbe crollato. Questo intervento è diventato qualcosa di più di un semplice sostegno militare col passare del tempo, con la Russia che dirige le operazioni militari da un centro di comando a Latakia e, come si è visto in un video che è circolato in rete, dando medaglie a ufficiali dell’esercito siriano come ricompensa per le loro prestazioni in battaglia. Nel video, le bandiere siriane e russe sventolano fianco a fianco, portando alcuni osservatori ad etichettare la presenza della Russia come un’ “occupazione”.

Senza l’aiuto della Russia, Assad si ritroverà certamente vulnerabile. Ma l’annuncio del ritiro di Putin deve essere visto nel contesto. La Russia non sta abbandonando la Siria. Si sta tenendo il suo centro di comando Latakia attivo e sta lasciando intatto il sistema di difesa aerea. Si tratta semplicemente di un declassamento del suo coinvolgimento come un modo per affermare il proprio potere su Assad.

Russia continuerà a giocare il suo gioco in Siria. Sta trovando, infatti, nel conflitto siriano uno strumento utile per stare in piedi in l’Occidente e ottenere il riconoscimento, da parte degli Stati Uniti. Gli accordi di cessate il fuoco bilaterali tra Russia e Stati Uniti, prima attraverso intermediari nella conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera e poi attraverso una conversazione tra John Kerry e Sergey Lavrov, stanno confermando solo il valore per la Russia della sua posizione sulla Siria.

Ma ciò che è evidente negli attuali colloqui di Ginevra è che, mentre l’opposizione siriana sta conquistando una posizione più solida di fronte alle pressioni esterne da Stati Uniti e Russia, lo stesso non si può dire di Bashar al-Assad. Mentre l’opposizione ha ampio sostegno dei partner regionali, Assad può fare affidamento quasi esclusivamente sulla Russia.

Anche l’Iran, per anni principale sostenitore esterno di Assad nel conflitto, ora si è spostato nelle retrovie in seguito all’intervento della Russia.

Due anni fa, durante Ginevra II, la Russia è stato un giocatore influente, ma ampiamente incapace di spingere di Assad ad accettare dei compromessi. Questa dinamica di potere ora è cambiata. Ciò significa che negli attuali colloqui di Ginevra, è la Russia, che tiene in mano le carte per conto del regime siriano.

Lina Khatib è ricercatrice senior presso la Arab Reform Initiative

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Silvia Di Cesare

1 Commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Se anche gli USA seguissero l’esempio della Russia e si ritirassero da tutti i paesi che , in un modo o in un’altro hanno colonizzato, il mondo sarebbe un posto migliore e come cittadino europeo non sarei alleato con paesi come Arabia Saudita e Quatar, dove i diritti umani sono calpestati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz