Zoom

La “Confraternita” in Occidente … La strategia della “Ragnatela”

Fahd Suleiman Al-Shaqira. Asharq al Awsat (3 dicembre 2020)

Gli attentati di “Charlie Hebdo” del 7 gennaio 2015, allo Stade de France e il massacro del teatro Bataclan il 14 novembre 2015, il travolgimento a Nizza il 14 luglio 2016 e altri atti di questo tipo, erano più che sufficienti per mettere sul tavolo il dossier dell’Islam politico in Francia e in altri paesi occidentali.

Dopo il crimine di Nizza con l’accoltellamento e l’uccisione di tante persone, il 29 ottobre 2020, le istituzioni politiche e legislative francesi si sono svegliate anche se il discorso del presidente Macron sull’Islam politico sembra arrivare molto in ritardo, un ritardo notevole che renderà molto costosa la riparazione degli errori accumulati nell’affrontare questa piaga del terrorismo.

(…) Lo scopo dei Fratelli Musulmani nella loro emigrazione in Europa non era né l’integrazione né l’adattamento ma il vero obiettivo era quello di creare una sorta di Stato islamico nel cuore dell’Europa. E la penetrazione è iniziata presto. Ad esempio: Saeed Ramadan, il segretario privato di Hassan al-Banna, fondò un’associazione islamica a Ginevra alla fine degli anni ’50.

l ‘”Unione delle organizzazioni islamiche”, i cui proprietari hanno cambiato nome nel 2017 in “Unione dei musulmani di Francia” è stata fondata nel 1983 … Quando leggi gli obiettivi che hanno scritto per la loro unione, pensi di essere di fronte alla più grande istituzione educativa del mondo. 

Un esempio degli obiettivi: “Una lettura dell’Islam che si concentri sui principi religiosi, vale a dire la ricerca dell’armonia, l’accettazione della differenza, la tolleranza e il riconoscimento degli altri, indipendentemente dalle credenze. Promuovere il dialogo con varie famiglie religiose in Francia e le istituzioni della società civile, per rafforzare la coesione sociale. Introdurre e diffondere l’Islam e i suoi valori di apertura, tolleranza, etica e morale equamente tra una comprensione equilibrata e una pratica autentica e moderata “.

Così si presenta la Confraternita nel mondo. Centinaia di organizzazioni islamiche controllati dai Fratelli Musulmani affermano di presentare una proposta liberale dell’Islam.

Nel dicembre 2018, Al-Mesbar Center for Studies and Research di Dubai ha lanciato il libro: “Islam in France – Brotherhood – Terrorism – The Treatment”, che considero un riferimento importante per il ricercatore sull’Islam in Francia, che comprendeva undici documenti di ricerca.


Tra i contenuti di questo studio un articolo di Maher Farghani sul progetto dei Fratelli Musulmani in Francia, in cui afferma: “Nel 2005 il cosiddetto progetto segreto della (Fratellanza) è stato pubblicato in un libro dal titolo: (Opening the West to the Secret Project for the Islamists), che indicava che le autorità svizzere avevano trovato nella casa di Yusef Nada un documento intitolato: (Verso una strategia globale per politiche islamiche, principi, elementi e requisiti procedurali importanti), il progetto segreto e le sue 12 premesse rivelano la strategia della Fratellanza in Europa, che si basa sul pensiero di Hassan al-Banna e adotta il sostegno alla jihad e ai movimenti armati nel mondo islamico.

La strategia scritta dal leader della Fratellanza Mohamed Akram parlava di come la Fratellanza ha saputo adattarsi alla società occidentale, e che si trattava di una manovra tattica progettata per rassicurare i cittadini usando un linguaggio democratico, quindi prendere il controllo, cosa che è stata spiegata da Mohamed Luizi, un ex membro della Fratellanza marocchina che vive in Francia, come la Confraternita segue il metodo della ragnatela nel diffondere la loro ideologia in Europa.

“La Fratellanza deve capire che il loro lavoro è una sorta di grande jihad nel rimuovere e distruggere la civiltà dall’interno »… Così si capisce meglio il modo di fare della Confraternita in Francia che consiste nel modello stabilito da Hassan al-Banna (ovvero inclusione, adattabilità, flessibilità e applicabilità).

In un’altra ricerca scritta da Jasim Muhammad dal titolo: «Organizzazioni di Fratellanza e gruppi jihadisti in Francia», l’autore presenta alcune organizzazioni di Fratellanza in Europa, tra cui: Il Gruppo Islamico in Germania (GID) fondato nel 1958, è il ramo tedesco dei Fratelli Musulmani in Europa fondato da Saeed Ramadan nel 1985 e guidato dal tedesco di origine egiziana Ibrahim Al-Zayat, l’Associazione dei Musulmani del Belgio (LMB) fondata nel 1997, La Lega della Comunità Musulmana nei Paesi Bassi (ETN) fondata nel 1996, La Lega Musulmana in Gran Bretagna (AMB) fondata da Kamal El-Helbawi nel 1997 e L’Unione delle Organizzazioni e Comunità Islamiche in Italia (Ucoii) fondata nel 1990.

È così che funziona l’Islam politico in L’Occidente. L’amara esperienza francese deve insegnare come la questione riguardi la protezione della sicurezza nazionale … in modo che l’assassino di Nizza non torni più nelle strade d’Europa. È ora di fermare questo grande pericolo.