Egitto Zoom

Il tradimento occidentale dell’Egitto: una bomba a orologeria?

Di Amr Darrag. The Guardian (19/06/2015). Traduzione e sintesi Alessandro Balduzzi.

Quando in aprile l’ex-presidente egiziano Mohamed Morsi fu condannato a 20 anni di carcere in seguito a un processo internazionalmente riconosciuto come incostituzionale e profondamente schierato, molti considerarono questa sentenza come un occasione che l’Occidente avrebbe dovuto cogliere per opporsi ai molti processi spettacolarizzati ormai usuali in Egitto. Per i sostenitori della democrazia e dei diritti umani il silenzio levatosi dalla comunità internazionale giunse tanto tragico quanto prevedibile. Allora il sottoscritto predisse che tale silenzio sarebbe stato interpretato dal regime di El Sisi come un nulla osta per una condanna a morte per Morsi.

Se nel 2011 i politici occidentali tessevano le lodi degli ideali e delle gesta dei rivoluzionari in Egitto, ora gli stessi assistono muti alla pena capitale inflitta al primo presidente egiziano eletto democraticamente, e per molti la sentenza è l’ennesimo chiodo che va a chiudere la bara in cui giacciono i sogni della Primavera Araba.

Questa settimana, la progressiva purga del primo governo democratico egiziano ha assunto tinte più fosche. Il regime di Sisi, forte dell’apatia dei suoi partner internazionali, ha confermato una sentenza di morte consegnata in maggio a Morsi e a più di cento persone. Secondo Amnesty International, il processo, un’autentica farsa, ha dimostrato “uno spregio totale nei confronti dei diritti umani”.

Di norma, un colpo militare seguito dalla detenzione in massa del governo precedente e dall’esecuzione pianificata del primo presidente eletto tramuterebbe uno Stato in un “intoccabile” sul palcoscenico internazionale. Ma ciò si è verificato durante una fase di disgelo nei rapporti tra il Cairo e Occidente, inclusa la riapertura di un contratto da milioni di dollari per la fornitura di armi americane.

Qualcuno, tuttavia, ha condannato la sentenza. Tra questi Federica Mogherini, che ha definito il giudizio come non rispettoso degli obblighi internazionali dell’Egitto, e gli Stati Uniti, che considerano l’esito del processo “profondamente preoccupante” (risposta vaga giustificata da quanto Washington ha corteggiato il regime di El Sisi in quest’ultimo anno).

La reticenza a opporsi a questa nuova ondata di autoritarismo si basa su una falsa premessa: l’Occidente vede in El Sisi un baluardo contro l’estremismo in una regione turbolenta costellata di gruppi di insorti e Stati pressoché falliti, mentre il presidente egiziano, da parte sua, crede che i rastrellamenti di islamisti e oppositori politici siano una prova tangibile per il mondo di come lui sia l’uomo giusto per portare la stabilità in Medio Oriente.

Una posizione simile è però un arma a doppio taglio. L’inasprimento a danno di sostenitori e ufficiali dei Fratelli Musulmani, così come nei confronti della società civile e dei mezzi d’informazione, non farà altro che isolare e radicalizzare un inquieto blocco di elettori. Dopo la rivoluzione del 2011, i giovani islamisti videro nell’impegno politico post-Mubarak uno sfogo sicuro alle proprie preoccupazioni, ma ora, con amici e parenti dietro le sbarre, il materiale per un nuovo lessico politico radicale abbonda. E creerà pericolose ideologie che poggiano su risentimento, ingiustizia e odio.

Questo schema, purtroppo, ha già trovato applicazione nella penisola del Sinai, una zona a lungo negletta che dal 2013 si è rivelata terreno fertile per il reclutamento da parte di una branca di Daesh (ISIS). Il regime ha reagito bombardando e radendo al suolo interi quartieri di Rafah, infrangendo palesemente il diritto internazionale e alimentando ulteriormente il timore che la regione diventi un focolare dell’estremismo.

Anche la crisi dei migranti nel Mediterraneo ha risentito di questa politica. Dopo la Primavera Araba centinaia di migliaia di profughi avevano trovato rifugio in Egitto, per poi essere espulsi dal regime in quanto miopemente ritenuti in combutta con i Fratelli Musulmani e quindi dirigersi verso le coste meridionali del Mediterraneo.

L’ipocrisia dell’atteggiamento occidentale affiorerà presto, con l’Unione Europea a promuovere in tutto il mondo una moratoria contro la pena di morte da una parte e la timida reazione alla condanna di Morsi dall’altra. Chi ancora sostiene i valori della rivoluzione – libertà, democrazia, uguaglianza – deve certamente essere educato, e non immediatamente abbandonato nella battaglia per un Egitto più equo da lasciare in eredità alle generazioni che verranno. Il timore di un ritorno a qualche forma di incontrollabile islamismo è puro allarmismo. Gli ideali della Primavera Araba non sono morti e milioni di egiziani vogliono ancora perseguirli con passione e in maniera pacifica. Se la comunità internazionale persevera nel trascurare questi principi, tuttavia, il risultato sarà un’ennesima polveriera mediorientale che il mondo è ben lungi dal poter sopportare.

Amr Darrag, ingegnere e politico egiziano, ha ricoperto la carica di ministro per la pianificazione e la cooperazione internazionale nel proprio Paese dal 7 maggio al 4 luglio 2013.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Roberta Papaleo

4 Commenti

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • beh che dire! Complimenti per quest’articolo! Per niente di parte. No,no….x niente! Lo ha scritto un rappresentante dei Fratelli Musulmani , capo della commissione degli affari esteri del partito Liberta e giustizia…sempre della Fratellanza.. Amr Darrag, che sulla sua pagina di facebook ha come cover la foto del suo amato Morsi.
    Ok adesso e’ chiaro che arabpress non e’ assolutamente attendibile!

    • “I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu”. Questo vale per questa come per tutte le traduzioni che vengono pubblicate: crediamo sia importante riportare le varie voci che animano il dibattito nel mondo arabo, ciò non vuol dire che esse rispecchino il nostro pensiero. Abbiamo specificato la provenienza dell’autore dell’articolo proprio per permettere ai lettori di capire la partigianeria di quanto scritto.
      Siamo comunque sempre contenti che si crei in Italia un dibattito costruttivo su temi di cui solitamente la stampa mainstream non parla.
      La redazione di ArabPress.

  • Solamente chi conosce bene l’Egitto sa quanto morsi fosse non voluto dalla popolazione. Questo articolo e’ fazioso e vi consiglio di andare in Egitto , nei paesi e nelle Città per capire veramente dove sta la verità

  • Auguri! è la prima volta che un quotidiano italiano pubblica un altro punto di vista! Sempre dal momento del golpe in Egitto tutti sia in Egitto che nel mondo occidentale si sono schieati contro i fratelli musulmani, basandosi su infrmazioni maggiormente alterati e deformati allo scopo non solo di far propaganda per il regime di Al’Sissi ma anche per diffamare gli islamisti, naturalmente i fratelli musulmani inclusi, correndosi sull’onda mondiale contro quanto chiamato terrorismo °islamista°.
    Sono davvero felice non perché sto ancora vivendo in Egitto e vedo a quatto’occhi quanto gli egiziani siano umoliati e calpestati da quel regime militare di Al-Sissi ma senza poter esprimere con un sola parola…tutti sordi muti …e tutti °apparentemente° contro i fratelli ma fondamentalmente tutti sono pentiti di supportare i criminali militari che ci avevano mentito e non avevano mantenuto nessuna delle loro false promesse…oltre alle migliaia delle vittime dappertutto tra uccisi e feriti…una totale rovina!

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet