Cultura Egitto Società

Atelier Cairo rischia la chiusura dopo quasi settant’anni dalla sua fondazione

Di Hamdi AAbdeen. Sharq al-Awsat. (28/05/2019). Traduzione e sintesi di Cristina Tardolini

Scrittori e intellettuali hanno condannato i tentativi delle agenzie governative di sciogliere Atelier Cairo, l’Associazione degli artisti e scrittori egiziani per le arti e le lettere, descrivendolo come un crimine contro la cultura.

Non è la prima volta che l’Atelier riceve delle minacce, ha detto il romanziere Ibrahim Abdel Majeed ad Asharq Al-Awsat. Negli ultimi cinque anni i tentativi sono stati diversi: uno di questi è stato il congelamento del conto dell’Atelier nel 2015, che ha provocato ritardi nel pagamento dell’affitto. L’atelier Cairo, che ad oggi conta più di tremila iscritti tra artisti e scrittori, è stato l’unico centro culturale egiziano ad aver ricevuto premi nel campo dell’arte, della letteratura e delle scienze sociali. Fondato nel 1953, esiste da quasi settant’anni: grandi scrittori e intellettuali soni stati membri di questo luogo, e hanno lavorato nel corso dei decenni per sostenere l’arte e la cultura egiziana.

La decisione di sciogliere l’Atelier, dal punto di vista di Abdel Majeed è illegittima. Molti scrittori e intellettuali affermano che il Ministero della Cultura egiziano dovrebbe fare di più, assumendosi il compito di supervisionare e salvaguardare di persona le associazioni culturali.

L’importanza dell’atelier deriva non solo dagli importanti personaggi che hanno fatto parte della sua storia, ma anche per il suo attuale ruolo culturale: esso rappresenta la memoria creativa della nazione, come dimostrano i numerosi eventi organizzati nell’ambito del cinema, così come le mostre d’arte, i seminari, i convegni e più di recente la conferenza sulla poesia in prosa.

Said Al-Kafrawi ha detto che difenderà i suoi 50 anni all’Atelier del Cairo perché non è solo un edificio storico, ma è il ricordo di una città e di un periodo pieno di ricordi vissuti assieme ad intellettuali quali Lewis Awad, Amal Dunkul e Yahya Eltaher Abdullah, e di simposi di numerosi scrittori e mostre di centinaia di artisti, da Hassan Suleiman e Adly Rizkallah, a Izz al-Din Najib e Mahmoud Bakshish, fino a Nabil Taj e Al-Labad e altri. “Risi molto in compagnia di Ibrahim Abdul Majid, e piansi il giorno della partenza di Abdul Hakim Qasim, Mohammed Saleh e Mohammed Afifi Matar. Ricordo la nostra gioia in questo luogo quando le arti significavano difendere la vita delle persone contro gli orrori della vita.” Lo stato di rabbia e malcontento tra la comunità intellettuale si è concretizzata nelle richiesta di salvare l’Atelier da parte di un certo numero di scrittori, tra cui il poeta Mohamed Farid Abu Saada.


Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz