News USA Zoom

I musulmani sono spaventati, ma non saranno intimiditi da Trump

trump
Io e i miei amici siamo spaventati dall’islamofobia che la vittoria di Trump esprime, ma dobbiamo restare negli Stati Uniti e combatterla

Di Moustafa Bayoumi. The Guardian (10/11/2016). Traduzione e sintesi di Irene Capiferri.

All’inizio della serata elettorale, io e i miei amici scherzavamo immaginando una vittoria di Trump, con i musulmani americani rinchiusi in campi, chiedendoci se avremmo avuto il wi-fi. Quando i risultati hanno cominciato ad uscire, l’ansia ha preso il posto delle battute. Abbiamo iniziato a scambiarci messaggi e a preoccuparci di come poter spiegare tutto questo ai nostri figli. È qualcosa che avrei dovuto prevedere. Lunedì parlavo con alcuni miei studenti riguardo le elezioni e sono rimasto scioccato dalle storie dei loro incontri personali con la New York liberale di Trump.

Una ragazza afroamericana che lavora in una banca a Manhattan, raccontava delle minacce di una donna bianca che l’ha sbeffeggiata gridando che dopo l’elezione di Trump non avrebbe più potuto lavorare lì. Un altro raccontava di aver visto in un bus a New York un uomo bianco aggredire una donna latina la cui borsa stava bloccando il passaggio, urlando che Trump non avrebbe permesso queste cose. Infine un’altra giovane musulmana che lavora in un asilo nido in una moschea riferiva che molti bambini le avevano chiesto ripetutamente se sarebbero stati costretti a lasciare il paese.

Come abbiamo lasciato che ciò accadesse? Nei giorni, nelle settimane e nei mesi passati abbiamo ascoltato sondaggisti e opinionisti distorcere la nostra percezione di queste elezioni. Ora ci diranno come abbiamo sottostimato la rabbia della classe operaia contro la classe dirigente, e tutti i motivi per cui Hillary Clinton abbia fallito, ma nessuno dirà la semplice verità che gli Stati Uniti, come molte altre parti del mondo, preferirebbero autodistruggersi piuttosto che ammettere un cambiamento.

Ciò che questa elezione mostra, ciò che emergerà dolorosamente nei prossimi 4 anni, è che l’ideologia dell’uomo bianco in America non sarà messa da parte senza una lotta. In questo momento, negli Stati Uniti sono più i bambini non bianchi, e ciò sembra aver convinto sufficienti elettori a votare per un candidato che sposa apertamente idee razziste. Siamo spaventati da Trump e dall’islamofobia che la sua vittoria esprime. Da oggi, i musulmani americani si guarderanno le spalle camminando per strada. E le battute su una possibile fuga in Canada che circolano sui social media non sono opera dei miei amici musulmani. Noi dobbiamo affrontare tutto ciò. Non discuteremo di fuggire, noi dobbiamo lottare.

Per i musulmani, gli immigrati, le persone di colore e tutti i loro figli, affronteremo francamente una nuova e disperata realtà. Trump ha detto molte cose orribili su molti di noi. Anche solo per una questione di credibilità, dovrà tener fede ad alcuni dei suoi propositi politici, o no? La nostra paura è del tutto razionale. Ma abbiamo anche deciso che non possiamo lasciarci intimidire. Facciamo parte di questo paese e lotteremo per il suo cuore e la sua anima, nonostante dopo questa elezione l’America sembri pericolosamente sul punto di perderla.

Moustafa Bayoumi è uno scrittore e professore associato di inglese al Brooklyn College, City University of New York.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu