Islam News USA

Ilhan Omar e Rashida Tlaib, due donne musulmane al Congresso

L’Orient-Le Jour  (07/11/2018)  Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

Ilhan Omar, somalo-americana, musulmana che porta il velo, è stata eletta nel Minnesota, mentre Rashida Tlaib, avvocato, nata a Detroit da genitori palestinesi rifugiati , è stata eletta nella circoscrizione del Michigan.

Dodici anni dopo Keith Ellison, Ilhan Omar e Rashida Tlaib sono diventate le prime donne di fede musulmana ad essere elette alla Camera dei rappresentanti nelle elezioni legislative del 2018, facendo esplodere un’ondata di diversità nell’apparato legislativo statunitense.

All’età di 36 anni, questa somalo-americana musulmana che indossa il velo, è stato eletta nel Minnesota, dove succede a Keith Ellison, a sua volta primo membro nero e musulmano ad essere eletto nel Congresso.

Ihlan Omar è fuggita dalla guerra in Somalia all’età di otto anni. Dopo aver trascorso quattro anni in un campo profughi in Kenya, la sua famiglia si è stabilita nel Minnesota nel 1997, dove vive una grande comunità del Corno d’Africa. Attivista della potente organizzazione per i diritti civili della NAACP, e in seguito impegnata nella vita locale di Minneapolis, questa giovane telegenica donna  è stata eletta nel 2016 nel Parlamento di questo Stato industriale situato vicino ai Grandi Laghi.

“Sono musulmana e sono nera (…) e ho deciso di candidarmi perché volevo mostrare cos’è una democrazia rappresentativa”, ha spiegato a settembre alla rivista Elle.

Si pone a sinistra del Partito Democratico, sostiene l’istruzione gratuita, la riforma del sistema giudiziario e l’accesso all’alloggio per tutti. È inoltre contraria alla restrittiva politica migratoria del presidente Donald Trump.

A 42 anni, è stata eletta in una circoscrizione del Michigan, da Detroit a Dearborn, dove il partito repubblicano non aveva candidati.

Nata a Detroit da genitori palestinesi rifugiati, questo avvocato, la più grande di 14 bambini, si descrive come un combattente. “Non sono mai stata una che si tiene in disparte”, ha detto alla ABC ad agosto. “Mi sono candidata per le ingiustizie e perché i miei ragazzi si interroghino sulla loro identità di musulmani”, ha aggiunto in questa intervista.

Nella campagna presidenziale del 2016, aveva redarguito Donald Trump  a Detroit per come tratta le donne, secondo quanto riportato dalla stampa locale. Durante la campagna, ha portato avanti un programma progressista, compresa la creazione di un salario minimo di 15 dollari l’ora e l’accesso per tutti alla sanità.

Succede a John Conyers, che si è dimesso ufficialmente a dicembre per motivi di salute, ma che era stato appena accusato di molestie sessuali.

Ad agosto, dopo aver vinto le primarie democratiche,  aveva sottolineato il significato simbolico della sua candidatura. “Non dovete cambiare per essere un candidato”, aveva detto ai suoi sostenitori,“Questo mostra quanto può essere meraviglioso il nostro Paese”.


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz