News Politica

Siria: ore decisive per le decisioni del CCG

Al-Quds (8/02/2012). Il GCC (Consiglio di Cooperazione del Golfo) non si mostrava così unito dai tempi di Saddam Hussein e del CCA. Gli stati membri (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Oman, Qatar e Kuwait) hanno deciso di espellere i loro ambasciatori siriani dai loro Paesi e di ritirare i loro stessi ambasciatori da Damasco. Ciò è avvenuto prima della riunione dei ministri degli esteri dei paesi del CCG, prevista a Riyadh domenica prossima, che precede la riunione dei ministri degli esteri arabi al Cairo lo stesso giorno. Il comunicato denuncia “un massacro collettivo contro un popolo disarmato” e vedendo quindi inutile continuare a intraprendere rapporti diplomatici con la Siria. Michelle Mann, portavoce del servizio diplomatico UE, ha invece asserito di non avere alcuna intenzione di lasciare la Siria; è importante, ha sostenuto Mann, continuare a stare sul posto per monitorare la situazione, fino a che non sarà ripristinata almeno la libertà di stampa. L’UE si trova però d’accordo con gli Stati Uniti nel continuare l’embargo contro la Siria (soprattutto petrolio grezzo e materiali preziosi). Dal canto suo, la diplomazia russa, sulla scorta di quanto affermato da  Sergej Lavrov, dopo aver parlato a lungo con Bashar Al-Assad, si sente “rassicurata” dalle parole del presidente siriano, che annuncia di voler <<mettere fine>> alle violenze in atto nel Paese. Tutto questo porta a ritenere che se non si troverà una linea comune a livello mondiale, il futuro sarà sempre più oscuro per i siriani.

 

 

Zouhir Louassini

Zouhir Louassini. Giornalista Rai e editorialista L'Osservatore Romano. Dottore di ricerca in Studi Semitici (Università di Granada, Spagna). Visiting professor in varie università italiane e straniere. Ha collaborato con diversi quotidiani arabi tra cui al-Hayat, Lakome e al-Alam. Ha pubblicato vari articoli sul mondo arabo in giornali e riviste spagnole (El Pais, Ideas-Afkar). Ha pubblicato Qatl al-Arabi (Uccidere l’arabo) e Fi Ahdhan Condoleezza wa bidun khassaer fi al Arwah ("En brazos de Condoleezza pero sin bajas"), entrambi scritti in arabo e tradotti in spagnolo.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.