News Politica Società

Iraq: Red House, museo in memoria dei curdi torturati

kurdistanDaily Star Lb (14/07/2013). La vernice rossa che ne ricopriva i muri è sbiadita, ma il nome che aveva durante l’epoca di Saddam le è rimasto: Red House, per anni centro di torture per i curdi ribelli al regime. Museo Nazionale per Non Dimenticare è il nome ufficiale di questo edificio nel quartiere della seconda città del Kurdistan, Sulaimaniyah, 270 km a nord di Baghdad. Nella Red House si estorcevano le “confessioni” di chi lottava contro Saddam, dal 1996 è divenuto luogo di memoria di quelle torture avvenute prima che la regione curda tripartita in tre province ottenesse una certa autonomia.

Prima del 1991, centinaia di curdi sono stati imprigionati nella Red House con l’accusa di “sovversione”: tra loro c’era anche l’attuale governatore della provincia di Sulaimaniyah. L’edificio è stato costruito in sei anni da ingegneri dell’ex-Germania dell’Est. A ricordarlo è il direttore del museo Ali Gharib: “Non era una prigione vera e propria: era un centro per gli interrogatori. I detenuti restavano qui per sei-otto mesi e poi venivano trasferiti ad Abu Ghraib o a Baghdad”. Chi visita l’edificio attraversa stanze con la consapevolezza che in ognuna di esse avveniva un tipo di tortura diverso. La rivolta del marzo 1991 pose fine alle attività della Red House, ma i ricordi restano vividi ancora oggi e la pratica di estorcere confessioni continua a piagare l’Iraq.

Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet