Zoom

In Occidente, colonialismo e guerra civile

Hazem Saghieh. Asharq al-Awsat (22-11-2020)

Non appena il conflitto armeno-azero si è placato, è scoppiata una nuova guerra in Etiopia tra il governo centrale e il Fronte di liberazione del popolo del Tigray. La minaccia di un’infiammazione della questione del Sahara occidentale è emersa anche dopo l’incidente al valico di Guerguerat. 

Nel frattempo, il mondo ha affrontato, ancora una volta, le difficoltà per superare il conflitto in Libia e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha visitato la parte settentrionale di Cipro. La portata delle paure si espanse: date le sue inclinazioni imperialiste gonfiate, l’arrivo di Erdogan in un luogo è un segno minaccioso…

Questi casi, così come molti altri, hanno molto in comune nonostante le differenze nei dettagli:

In primo luogo, l’acrimonia identitaria, sia essa religiosa, settaria o etnica, alimenta la maggior parte di questi conflitti che sono anche alimentati dalle disparità nella distribuzione della ricchezza che sono spesso accompagnate dalla corruzione.

In secondo luogo, sono presenti interventi internazionali, diretti o indiretti, a difesa di interessi esistenti o alla ricerca di potenziali benefici.

Il terzo è lo scontro tra un’autorità centralizzata assertiva incline a fondere le periferie e una pulsione assertiva ed esasperata infusa di separatismo. Entrambe le tendenze derivano da una lunga serie di stereotipi e sentimenti ostili accumulati.

Quarto, dopo la Guerra Fredda, il mondo è diventato meno desideroso di mantenere mappe e confini stabiliti. Le guerre civili non solo sono diventate più numerose, ma sono anche diventate meno vincolate da obiettivi politici e vincolate da considerazioni geopolitiche. Sono quindi più difficili da risolvere e più letali per i civili.

Le ragioni elencate potrebbero essere riunite sotto un titolo più ampio: la debolezza della costruzione statale e nazionale in questi paesi.

Articolo intero

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet