Yemen Zoom

Conflitto in Yemen: vittime degne contro vittime non degne

Di Afrah Nasser. Your Middle East (10/07/2015). Traduzione e sintesi di Cristina Gulfi.

La guerra in Yemen infuria ormai da 4 mesi. Si contano 19.000 tra morti e feriti e più di 1,2 milioni di sfollati – numeri che continuano a crescere in maniera allarmante. In questo Paese devastato e straziato dalla violenza, tuttavia, ci sono vittime ingiustamente ritenute non degne da tutte le fazioni in guerra.

In particolare, i cittadini del sud dello Yemen sono considerati tali da parte degli Houthi e del loro alleato, l’ex presidente Saleh, con il pretesto che sono jihadisti o membri di Al-Qaeda. Le forze congiunte Houthi/Saleh hanno poi modificato la loro propaganda per sostenere che stavano combattendo contro Daesh (ISIS). Inoltre, hanno manipolato i media locali ed internazionali per evidenziare come la coalizione guidata dall’Arabia Saudita stesse commettendo dei massacri del nord dello Yemen. Per gli Houthi infatti, quelle sono le uniche vittime degne.

Al tempo stesso però, la resistenza sudista considera e tratta le vittime come non degne. Ma perché? Probabilmente perché l’antagonismo ha raggiunto un punto di non ritorno ed è sorprendente come queste posizioni siano totalmente prive di qualsiasi principio morale. 

Il popolo yemenita è stato il principale martire non degno del tentato colpo di stato degli Houthi contro il presidente Hadi. Gli Houthi hanno represso il dissenso fin dalla loro espansione da Saada a Sana’a. Nella fattispecie, da settembre 2014 ci sono stati decine se non centinaia di attivisti, giornalisti, difensori dei diritti umani in tutto il Paese molestati, rapiti, torturati – alcuni fino alla morte.

Senza giustificare in alcun modo i raid aerei della coalizione a guida saudita, questi sono stati una reazione alla violenza già messa in essere dagli Houthi. Il 26 marzo, la coalizione era formata da 11 Paesi arabi, mentre gli altri 11 restavano a guardare in silenzio. L’obiettivo della coalizione era ristabilire la legittimità del presidente Hadi, ritenuto l’unica vittima degna che meritava di rimanere al sicuro a Riyadh.

Coloro che sono fuggiti dalla violenza rifugiandosi in Somalia, Gibuti, Sudan o altrove sono stati a loro volta trattati come vittime non degne: maltrattati, offesi, hanno davanti a loro un futuro totalmente incerto. Una cosa deve essere chiara: uno stato che chiude le porte a degli esseri umani in fuga dalla morte commette un’altra forma di violenza.

Queste sofferenze rappresentano una catastrofe umanitaria senza precedenti. In Yemen milioni di persone sono minacciati dalla fame perché l’assistenza alimentare non li raggiunge, mentre le forze Houthi usano cibo e medicine come armi da guerra. Peggio ancora, più di 15 milioni di persone necessitano di assistenza medica e moltissimi feriti muoiono perché gli ospedali stanno chiudendo. Si stima inoltre che 20,4 milioni di persone abbiano bisogno di acqua potabile.

Mentre le sofferenze degli yemeniti continuano, un piccolo movimento di solidarietà globale sta cercando di sfidare l’egemonia saudita sulla narrativa dei media. Si tratta dell’unico aspetto di questa guerra che fa sì che gli yemeniti credano ancora in un senso di umanità condiviso. Le atrocità commesse dalla coalizione a guida saudita, tuttavia, vanno condannate tanto quanto quelle perpetrate dagli Houthi. Chi è solidale con il popolo yemenita deve dire con chiarezza che tutte le vittime meritano pace e stabilità.

Ad ogni modo, per quanto la solidarietà globale sia apprezzata, quello di cui lo Yemen ha disperatamente bisogno è l’azione di quei membri della comunità internazionale in grado di influenzare le parti del conflitto. Nel frattempo, chi sta permettendo l’aggravarsi della crisi umanitaria è responsabile di atti che potrebbero configurarsi come crimini contro l’umanità.

Afrah Nasser è una blogger yemenita, scrittrice, laureata in comunicazione all’Università di Göteborg in Svezia e co-fondatrice di The Yemeni Salon.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Cristina Gulfi

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet