- Home > Zoom > USA: il ruolo chiave del libanese Phares nell’amministrazione Trump
USA Zoom

USA: il ruolo chiave del libanese Phares nell’amministrazione Trump

Walid Phares
Walid Phares potrebbe finire per decidere il futuro del Medio Oriente.

Di Rayana Khalaf. StepFeed (10/11/2016). Traduzione e sintesi di Emanuela Barbieri.

Il libanese Walid Phares è stato il principale consigliere durante la campagna elettorale di Trump in materia di sicurezza nazionale, lotta al terrorismo e affari nel Medio Oriente. È stato descritto come un “falco neoconservatore” e, dato il suo importante ruolo nella campagna, probabilmente sarà ricompensato con una posizione di rilievo alla Casa Bianca.

Emigrato negli Stati Uniti dopo la guerra civile libanese, quando faceva parte delle milizie di destra delle Forze libanesi, Phares ha conseguito un dottorato di ricerca presso l’Università di Miami. Da allora, è stato consigliere per il Congresso degli Stati Uniti, il Parlamento europeo e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulle questioni relative alla sicurezza internazionale, la società civile, la democrazia e conflitti in Medio Oriente. Attualmente, è rettore all’Università BAUI di Washington ed esperto di Medio Oriente e terrorismo a Fox News.

Nonostante il curriculum impressionante, le posizioni anti-islamiche di Phares e il suo passato politico suscitano polemiche. Ecco quello che c’è da sapere su di lui:

È un cristiano maronita libanese di nascita, ma Trump sembra pensare che sia musulmano.

Mother Jones ha sottolineato che nel corso di un’intervista a Fox News, Trump non è riuscito a correggere per due volte l’affermazione errata del suo ospite sul fatto che Phares fosse musulmano.

“Donald, abbiamo appena parlato con Walid Phares”, ha detto Kilmeade. “Abbiamo parlato con il Dr. Zuhdi Jasser ieri e con l’ambasciatore Khalilzad – ha fatto grandi cose per questo paese. Cosa hanno in comune tutti e tre? Sono musulmani”.

“Sì, è vero”, ha detto Trump.

“Tu non hai un problema con i musulmani … In realtà ne hai appena assunto uno, Walid Phares.” Anche in questo caso, Trump sembrava d’accordo.

Un passato polarizzante: al servizio delle Forze libanesi durante i suoi anni di militanza nella guerra civile.

Nel 2012, poco dopo che Phares era stato annunciato come consigliere speciale per il candidato repubblicano alla presidenza Mitt Romney, un’indagine di Mother Jones rivelava il ruolo chiave di Phares nella creazione dell’ideologia e della strategia delle Forze libanesi durante la guerra civile tra il 1975-1990.

Le Forze libanesi, oggi un grande partito politico in Libano, furono un gruppo di copertura delle milizie cristiane durante la guerra. Phares è stato ritenuto responsabile dell’applicazione delle convinzioni ideologiche tra i militanti cristiani che giustificavano la violenza verso la controparte musulmana e drusa.

“[Samir Geagea] (leader delle Forze Libanesi) ha voluto trasformarli da una milizia normale a un esercito cristiano,” ha detto a Mother Jones un ex collega di Phares. “Walid Phares era responsabile della formazione degli ufficiali al comando nell’ideologia delle Forze Libanesi”.

Phares ha “giustificato la nostra lotta contro i musulmani dicendo che dovevamo avere il nostro paese, il nostro stato, la nostra propria entità, ed essere separati”, ha dichiarato l’ex membro delle Forze Libanesi Régina Sneifer a Mother Jones. Riferisce anche che Phares considerava il conflitto tra cristiani e musulmani come una guerra di civiltà ed era a favore della formazione di un’enclave cristiana indipendente.

Ridurre l’Islam al terrorismo

Considerato un estremista che “riduce l’Islam al terrorismo”, Phares è stato costantemente messo sotto accusa da vari gruppi di difesa dei musulmani.

Ha parlato e scritto contro la Sharia islamica e spesso messo in guardia contro presunti gruppi segreti di musulmani che cercherebbero di stabilire Sharia negli Stati Uniti.

In un’intervista al quotidiano The Daily Caller, gli stato chiesto circa la proposta di Trump di imporre un fermo completo all’immigrazione musulmana negli Stati Uniti. Phares non ha sostenuto direttamente il divieto, ma lo ha giustificato.

“Il problema è che se non si dispone di una misura per rilevare di chi è chi, chi è un jihadista e chi non lo è, allora ci sarà un continuo spargimento di sangue”, ha affermato.

“La reazione politica di Trump era genuina e simbolica per provocare un dibattito sulla necessità di un cambiamento nella politica estera e nella strategia antiterrorismo.”

Ha detto che il divieto sarebbe stato revocato quando i funzionari avrebbero imposto una nuova strategia di politica estera e di antiterrorismo, che permettesse loro di rilevare i jihadisti.
Eppure, in un’intervista al TRT World con il presetatore Imran Garda, un giorno dopo l’elezione di Trump, ha detto che il divieto era fuori discussione.

Ha aggiunto poi che la dichiarazione di dicembre sul divieto “apparteneva a un fuso orario diverso”. Trump avrebbe invece lavorato a stretto contatto con i leader arabi per sradicare i jihadisti e “limitare il divieto”.

È importante notare che Phares non era dietro la dichiarazione circa il divieto dei musulmani. Si è unito al team della campagna di Trump tre mesi dopo l’annuncio dell’ora presidente eletto.

Perché Trump?

Phares ha dichiarato al Daily Caller, “Per la doppia sfida dell’ISIS e di un Iran legittimato che ha ancora ambizioni nucleari, Donald Trump può e vuole scuotere la politica estera.”

“Hillary Clinton è parte dell’establishment che ha fallito, dando consigli poveri al presidente Obama e ha collaborato con il Dipartimento di Stato con i gruppi radicali, quindi non c’è motivo per promuoverla a comandante in capo”.

Rayana Khalaf è una studentessa di legge che collabora con Stepfeed.

Vai all’originale.

 

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu.


Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz