Palestina Zoom

Una ballerina palestinese e la sua libertà dopo la prigionia

Di Ahmad Melhem. Al-Monitor (19/07/2015). Traduzione e sintesi di Claudia Avolio.

Lina Khattab campagna palestineseLina Khattab, palestinese studentessa di giornalismo all’università di Birzeit e ballerina della El-Funoun Palestinian Popular Dance Troupe, è stata liberata da una prigione israeliana lo scorso 11 giugno. La giovane era stata arrestata a ovest di Ramallah il 18 dicembre 2013 da parte dell’esercito israeliano e condannata a sei mesi di prigione il 16 febbraio, oltre a una multa di 1.500 dollari. Accusata di lancio di pietre, danneggiamento del finestrino di una jeep e del ferimento alla testa di un soldato, dice di aver “negato tutte le accuse e rifiutato di collaborare con loro”. Al momento dell’arresto “i soldati mi hanno picchiato fino all’arrivo in prigione”.

Le percosse subite le hanno causato dolori alla mano destra, non riusciva a chiuderla né ad aprirla, aveva male al collo e alla schiena e lividi in tutto il corpo. Eppure, la prigione non ha spezzato il suo spirito. Durante la sua detenzione, Lina ha imparato l’ebraico e a ricamare dalle altre prigioniere. In cambio, lei ha insegnato loro alcuni passi del ballo tradizionale dabke. Dopo due giorni trascorsi in una cella troppo piccola, Lina è stata trasferita nell’ala 2 della prigione di Hasharon, nella quale è stata accolta dalle prigioniere palestinesi. “Mi hanno dato un caloroso benvenuto e dei vestiti al posto di quelli strappati che avevo”, ricorda la ragazza. “Mi hanno offerto del cibo e la fiducia e la forza di cui avevo bisogno”.

Lina descrive l’ala 2 della prigione di Hasharon composta da “6 piccole celle per 22 prigioniere. Le celle sono separate da un piccolo passaggio che conduce alle celle di detenzione delle civili israeliane, che trascorrevano il tempo gridando e insultandoci. Le finestre delle celle sono molto piccole, si distingue a malapena il giorno dalla notte”. “Trascorrevamo gran parte del tempo parlando, imparando a ricamare e leggendo alcuni dei pochi libri disponibili”, dice ancora Lina, ricordando che alla fine di ogni mese arriva un giorno in cui le prigioniere si esibiscono. Lei era sempre entusiasta di ballare una dabke o prendere parte a una performance teatrale.

Questo ha incoraggiato alcune prigioniere a imparare la dabke. Sull’impatto che la prigione ha avuto sulla sua personalità, Lina dice: “Mentre ero in prigione mi mancava tutto ciò che è fuori. In quel momento, ho realizzato cosa significa essere liberi e avere speranza”. Dopo la sua esperienza in prigione, Lina vuole laurearsi in giornalismo e specializzarsi in diritti umani o diritto internazionale per far sentire la voce dei palestinesi oppressi al mondo. In tal senso conclude: “La conquista della mia vita sarà avere l’opportunità di gridare al mondo la voce di anche un solo bambino palestinese che sta soffrendo sotto l’occupazione”.

Ahmad Melhem è un giornalista e fotografo palestinese che vive a Ramallah.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz