- Home > Marocco > Un museo fotografico per il Marocco nel 2016
Marocco News Politica Zoom

Un museo fotografico per il Marocco nel 2016

Zoom 7 nov Museo MaroccoDi Emma Chubb. Nafas Art Magazine (07/11/2013). Traduzione e sintesi di Chiara Cartia.

Un collezionista americano ha deciso di finanziare con fondi privati la costruzione in Marocco del Museum for Photography and Visual Arts (MMPVA), la cui apertura è prevista nel 2016.

L’architetto è l’inglese David Chipperfield e l’edificio sorgerà vicino ai giardini di Menara a Marrakech. L’idea è di farlo diventare un epicentro culturale nella regione, il cuore di una stella a molte punte che attrarrà studenti e visitatori da tutto il mondo. Sarà formato da 4 piani di gallerie, un teatro, un caffè, un bookstore. La collezione si focalizzerà su tre tematiche: Architettura/Design, Foto-giornalismo, Moda/Cultura.

Nel frattempo, il MMPVA ha eletto come suo domicilio temporaneo il Palazzo el-Badi. L’esposizione inaugurale si è svolta il 20 settembre con fotografie, provenienti dalla collezione permanente, di artisti quali Yto Barrada, Carole Benitah, Hicham Benouhoud, Ali Chraibi, Yasmine Bouziane Daoud. È stata poi trasferita nel Sofitel Marrakesh per lasciare spazio alla prossima esposizione che aprirà i battenti l’8 novembre e che vedrà protagonisti 5 fotografi: Abbas, Jim Goldberg, Susan Meiselas, Mark Power e Mikahel Subotsky dell’agenzia fotografica Magnum. L’esposizione, inoltre, coinciderà con l’inaugurazione del museo a livello internazionale.

L’obiettivo che si prefigge il Museo è di diventare la prima istituzione di questo genere nel continente africano e di diffondere l’esperienza artistica scavalcando le frontiere culturali per formare una tolleranza e una comprensione reciproca. Questo progetto ambizioso, ma soprattutto l’ergersi ad unica istituzione nel campo, rischia però di sminuire le istituzioni pubbliche e private e le iniziative, seppur non numerosissime, già presenti nel continente e radicate nei propri contesti e comunità.

Ci si chiede come la missione di cui è investita il MMPVA sarà tradotta in programmi concreti una volta effettuata l’apertura al pubblico. Le problematiche in gioco sono numerose a partire dalla lingua: in Marocco le lingue ufficiali sono l’arabo e il tamazight e si parla più in francese e in spagnolo che non in inglese, lingua verso cui invece è orientato prevalentemente il Museo. C’è poi la questione di come verrà inquadrata la storia della fotografia in e del Marocco, di cui non si potrà non prendere in conto il colonialismo e l’orientalismo. Si dovrà poi fare in modo che la storia fotografica del Paese dopo l’indipendenza nel 1956 non venga filtrata da canoni artistici europei e americani. Infine, dati i fondi privati di cui gode il Museo, sarà interessante osservare come le priorità dei finanziatori si concilieranno con quelle del pubblico.

Le problematiche elencate sono però altrettante sfide che possono dare la possibilità al MMPVA di trasformare il suo pubblico locale e la sua comunità artistica in una priorità e di dislocare la centralità dei canoni artistici e fotografici moderni e contemporanei euro-americani in Marocco e altrove.

Vai all’originale


Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz