News Politica

Turchia: libri proibiti tornano sugli scaffali

turchia

turchiaElaph (06/01/2013). Migliaia di libri un tempo proibiti in Turchia stanno tornando finalmente tra gli scaffali delle librerie. Il Manifesto del Partito Comunista di Marx, Engels e lo stesso poeta turco Nazim Hikmet, per un totale di 453 libri e 645 riviste solo nella capitale Ankara, hanno da ieri il via libera alla distribuzione. Lo si deve a una legge di luglio che ha fatto decadere i divieti di distribuzione stabiliti prima del 2012. Storia del Partito Comunista Sovietico di Josef Stalin e Stato e Rivoluzione di Lenin, un articolo sulla questione curda, un dossier sulla condizione dei diritti umani in Turchia fanno parte di questo corollario letterario che al di fuori della capitale conterà qualcosa come 23 mila libri. Il presidente dell’Associazione Editori Turchi ha fatto notare che “gran parte dei libri vietati venivano già stampati”. L’edizione completa delle opere di Nazim Hikmet, per esempio – morto in esilio a Mosca nel 1963 – pare si trovasse da anni nelle librerie. Dunque la riforma è più che altro simbolica.

Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet