Egitto Turchia Zoom

Turchia / Egitto: un possibile riavvicinamento che preoccupa Grecia e alleati

2021 sarà caratterizzato dall'allentamento delle tensioni nelle relazioni della Turchia con i paesi con cui Ankara ha molti disaccordi. L'Egitto è uno di loro. Un nuovo capitolo potrebbe aprirsi tra Ankara e Il Cairo.

di Öznur Küçüker Sirene TRT 11 marzo 2021

La Turchia e l’Egitto sono due potenze regionali, che hanno una lunga relazione storica. L’Egitto fu sotto la dominazione ottomana dal 1517 al 1798. Sono quindi quasi tre secoli di storia e cultura comuni che legano i popoli turco ed egiziano.

I rapporti tra i due Paesi erano buoni fino a poco tempo fa, soprattutto durante il mandato di Mohamed Morsi, il primo presidente del Paese eletto a suffragio universale, con il quale il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan intratteneva ottimi rapporti.

Tutto è peggiorato tra Ankara e Il Cairo dalla rimozione nel 2013 di Morsi da parte dell’esercito egiziano dopo un contestato colpo di stato militare. Dopo la presa del potere da parte del generale Abdel Fattah al-Sisi, è iniziato un nuovo periodo di tensione tra Turchia ed Egitto.

Erdoğan non ha mai nascosto il suo totale disaccordo con la politica di al-Sisi e il suo regime autoritario, ma ha anche ripetutamente affermato che “gli egiziani sono nel cuore dei turchi”.

Verso un periodo di miglioramento delle relazioni turco-egiziane

Nonostante i rapporti burrascosi tra i leader dei due paesi, la realpolitik obbliga le due potenze regionali a difendere interessi comuni.

Così, in una intervista concessa a Bloomberg, il portavoce della presidenza turca İbrahim Kalın ha fatto importanti dichiarazioni sul futuro delle relazioni turco-egiziane. Affermando che “l’Egitto rimane ancora il cuore e il cervello del mondo arabo”, ha assicurato che “si può aprire un nuovo capitolo, si può voltare pagina nelle nostre relazioni con l’Egitto così come con gli altri paesi del Golfo per aiutare la pace e la stabilità nella zona ”. Ha aggiunto che le relazioni bilaterali e regionali potrebbero evolversi con la ripresa dei contatti tra i due paesi. In particolare ha sottolineato che la Turchia desiderava“Discutere con l’Egitto le questioni marittime nel Mediterraneo orientale e altre questioni in Libia, il processo di pace in Palestina”. Secondo Kalın, un partenariato turco-egiziano può contribuire alla stabilità regionale dal Nord Africa al Mediterraneo orientale.

Stesso tono delle dichiarazioni del ministro degli Esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu, che ha annunciato che la Turchia era pronta a “negoziare sui confini marittimi con l’Egitto e firmare un accordo in futuro  “, in caso di miglioramento dei rapporti con il Paese africano.

Mevlüt Çavuşoğlu
ministro degli Esteri turco

“la Turchia è pronta a negoziare i confini marittimi con l’Egitto e firmare un accordo in futuro.

— Mevlüt Çavuşoğlu ministro degli Esteri turco

Una possibile partnership che può cambiare gli equilibri nel Mediterraneo orientale

A causa delle relazioni tese con la Turchia, il presidente egiziano al-Sisi ha finora preferito stabilire partnership con paesi che sono ostili ad Ankara. 

L’Egitto è stato tra i Paesi (insieme a Grecia, Israele, Giordania, Italia e Territori palestinesi) che nel 2019 hanno creato il “Forum del gas del Mediterraneo orientale” senza includere la Turchia. Ha inoltre firmato un accordo con la Grecia che delimita i propri confini marittimi, in un momento di forti tensioni tra Ankara e Atene sulla condivisione degli idrocarburi nel Mediterraneo orientale.

Il Cairo si è anche posizionato nel campo opposto alla Turchia nel conflitto libico. Lo scorso luglio i due Paesi erano addirittura sull’orlo dello scontro quando l’Egitto ha avvertito che qualsiasi avanzata verso la città centrale di Sirte da parte delle forze del governo di accordo nazionale libico (Gna) sostenute dalla Turchia, rappresentava una minaccia per la sua sicurezza e poteva spingerla a intervenire.

A tutto ciò si aggiungono i rapporti particolarmente cordiali tra al-Sisi e il suo omologo francese Emmanuel Macron, che lo ha accolto con grande pompa a Parigi lo scorso dicembre. Macron ha persino consegnato ad al-Sisi la “legione d’onore”, un momento nascosto alla stampa per evitare critiche e indignazione da parte del popolo francese. 

Ci sono diversi motivi per questi buoni rapporti. Il primo è economico. Dopo il Qatar e l’Arabia Saudita, l’Egitto è tra i paesi che hanno ricevuto il maggior numero di armi francesi nel 2019 e la Francia desidera mantenere il suo cliente a tutti i costi. Il secondo è politico-religioso. I presidenti francese ed egiziano contano l’uno sull’altro per evitare che Erdoğan si comporti da “leader del mondo musulmano”. Un’ultima ragione è geopolitica. La Francia ha bisogno dell’Egitto come alleato per fare il contrappeso alla Turchia in diverse parti del mondo, dal Mediterraneo orientale alla Libia.

Ma le cose stanno procedendo lentamente tra Ankara e Atene. Il ministro degli Esteri turco ha sottolineato mercoledì scorso che l’Egitto ha “rispettato i confini meridionali della nostra piattaforma continentale, anche dopo aver firmato un accordo con la Grecia”. “Ha svolto le sue attività senza violare i nostri confini. (…) Lo consideriamo un passo positivo ” , ha aggiunto.

Questi sviluppi ovviamente non sono visti favorevolmente dalla Grecia, come dimostra l’articolo dal titolo “Il tradimento dell’Egitto” pubblicato dal quotidiano greco Proto Thema.

Anche se è ancora troppo presto per sapere come si evolveranno le relazioni turco-egiziane, è ovvio che un riavvicinamento tra le due potenze regionali sarebbe nell’interesse dei loro popoli ma anche dell’intera regione. Se c’è un altro punto certo è che il dialogo ristabilito tra i due paesi disturberà più di uno.

Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet