News Siria Tunisia Zoom

La Tunisia e il regime di Bashar al-Assad

Di Ismail Dibara, Elaph (09/06/2014). Traduzione e sintesi di Marianna Barberio.

Da diverse settimane il governo tunisino sta varando la possibilità di riallacciare, almeno parzialmente, i legami con il regime siriano. Il 7 giugno il governo ha deciso, infatti, di riaprire la propria sede amministrativa a Damasco, previa pianificazione con le autorità locali. Si è insistito esclusivamente sul carattere amministrativo e sull’assenza di qualsiasi rapporto diplomatico, per garantire in tempi brevi “i servizi necessari alla comunità tunisina presente sul territorio e a tutti i tunisini confinati nelle carceri siriane.”

La decisione ha scatenato un violento dibattito a Tunisi tra il capo del governo e il presidente della repubblica, Moncef Marzouki, che rifiuta qualsiasi tipo di alleanza con un Paese testimone, da più di tre anni, di una lotta armata e sanguinaria.

La rottura nei rapporti tra i due paesi avviene il 6 febbraio 2012, quando la cosiddetta Troika tunisina (una coalizione formata da Ennahda, il Congresso per la Repubblica e il Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà o Ettakol) decreta l’espulsione dell’ambasciatore siriano dal Paese, invitando gli altri Stati arabi a procedere nella stessa direzione in nome della spietata azione repressiva operata dal regime nei confronti dei rivoltosi.

Il 7 febbraio dello stesso anno, il governo di Bashar al-Assad perde legittimità agli occhi del presidente Marzouki. Il 24 dello stesso mese, si tiene a Tunisi la Conferenza degli Amici della Siria che riunisce, insieme al governo della Troika, più di sessanta Paesi con il Consiglio Nazionale dell’Opposizione Siriana e altre componenti della rivolta, in vista di una risoluzione prossima del conflitto. La Siria risponde con l’uccisione di centinaia di tunisini e l’arresto di molti altri, definiti “terroristi” perché inviati ad appoggiare le file dell’opposizione sunnita radicale.

Ecco allora che in Tunisia attivisti e nazionalisti fedeli al regime di Assad continuano a manifestare per il ripristino degli antichi legami tra i due Paesi, temendo principalmente per le condizioni di vita in cui riversano i propri concittadini. Questi ultimi sono stati privati di qualsiasi sostegno esterno nel momento in cui la Tunisia ha preso le distanze dal governo siriano.

Vai all’originale

Viviana Schiavo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet