News Società

Sudanese convertita al cristianesimo condannata a morte

Agenzie varie (15/05/2014). Mariam Yahaya Ibrahim, la 27enne sudanese accusata di apostasia e adulterio per essersi convertita al cristianesimo e aver sposato un uomo cristiano, è stata infine condannata a morte oggi da una tribunale di Khartoum.

Alla donna erano stati dati tre giorni di tempo per riconvertisti all’islam ed evitare così la condanna. Il giudice Abaas Mohammed al-Khalifa ha sentenziato che la morte avverrà per impiccagione. La sentenza, inoltre, prevede anche 100 frustrate come pena per l’accusa di adulterio.

 


Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.