- Home > Zoom > I significati dietro ai nomi di otto paesi arabi
Africa Cultura Medio Oriente Zoom

I significati dietro ai nomi di otto paesi arabi

Le origini dietro ai nomi

Di Jason Lemon. Stepfeed (10/12/2016). Traduzione e sintesi di Giusy Regina.

Nel corso degli anni molti confini sono cambiati in Medio Oriente e in Nord Africa, molti paesi sono stati – o sono ancora – coinvolti in conflitti, alcuni vantano di patrimoni antichi mentre altri sono realtà geo-politicamente più giovani. Eppure, mentre confini e governi cambiavano, i nomi storici di alcuni paesi resistevano oltre il tempo, le guerre e le divisioni.

  • Il Libano innevato

Il nome deriva dalla radice semitica “I-b-n” che significa “bianco” e si riferisce probabilmente alle montagne innevate della regione. Il nome Libano lo troviamo già in diversi testi, tra cui la Bibbia e Epopea di Gilgameš, risalente al terzo millennio a. C.

  • Egitto, Aegyptus

Per ripercorrere la storia del nome Egitto dobbiamo risalire all’antico termine egizio “Casa di Ka di Ptah”, dove Ptah è il nome di uno dei primi dèi dell’Egitto, un dio creatore. I greci, nel pronunciare questo nome antico, hanno cambiato il nome in Aegyptus, che è apparso nella letteratura greca per riferirsi ad un re egizio, al fiume Nilo e al Paese stesso.

  • A quale dei due mari ti riferisci, Bahrein?

Bahrein in arabo significa “due mari”, ma la questione è: a quali si riferisce? I mari potrebbero essere le baie a est e a ovest dell’isola, oppure i mari a nord e sud, o ancora l’acqua fresca e salata presente sopra e sotto il suolo. Storicamente gli arabi si riferiscono all’isola come Awal.

  • Marocco, la terra di Dio

Il termine Morocco in inglese proviene dalle traslitterazioni spagnola e portoghese di Marrakech, che significa “Terra di Dio”. In alcune lingue, Marrakech è ancora il nome ufficiale del Marocco. Naturalmente, Marrakech è anche una delle più grandi città del Marocco e, in diversi periodi della storia, è stata anche la capitale del Regno.

  • Fammi sdraiare, Tunisia

Il nome Tunisia deriva da Tunisi, che ha origine berbera e significa “sdraiarsi” o “accampamento”. Tunisi è la più grande città – nonché la capitale – della moderna Tunisia. È interessante notare che, prima che il Paese fosse conosciuto come Tunisia appunto, l’area era stata chiamata Ifriqiya, cioè Africa. Da qui probabilmente l’intero continente deve il suo nome.

  • Sulle rive dell’Iraq

Iraq significa rivaspondaconfine. Il nome è stato originariamente utilizzato per definire la Mesopotamia tra Iraqi Arabi (arabo-irachena) e Iraqi ‘Ajami (estera-irachena). Anche se il nome era in uso da prima del VI secolo, ci sono diverse teorie sulla sua origine. Una di queste teorie lo fa risalire alla città sumera di Uruk, menzionata nella Bibbia come Erech.

  • La Giordania che discende

Si pensa che il nome Giordania derivi dalla parola semitica yarad che significa “discendente”. Alcuni ritengono anche che il nome derivi da parole indoeuropee quali yor (“anno”) e don (“fiume”). Altri invece credono che potrebbe risalire alla radice araba wrd che significa “venire a”. Comunque, qualunque sia l’origine, il nome appare in un antico papiro egiziano risalente al 1000 a. C. e storicamente, la Giordania si riferisce al fiume Giordano, da cui il Paese ha preso il nome.

  • La via giusta per lo Yemen

Molti credono che Yemen derivi semplicemente da al-Yamin ovvero “destra”. Lo studio che suggerisce ciò si basa sul fatto che il sud è a destra quando sorge il sole. Un’altra teoria sostiene che il nome sia un derivato di yumn, che significa “felicità”. Questo perché i Romani lo chiamavano Arabia Felix per il suo terreno fertile.

Jason Lemon è vice-direttore di Stepfeed, basato in Libano.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Giusy Regina

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz