I Blog di Arabpress Musiqa

La salmodia nell’Islam

Carissime amiche e amici, eccomi ancora a voi con un articolo che ci porta a conoscere meglio e a riflettere sulle problematiche che, nei secoli passati, hanno riguardato la musica nel mondo arabo-islamico. Abbiamo già visto, nell’articolo su El Ghazali, come questi abbia saputo ricucire gli strappi tra l’ortodossia contraria alla musica e coloro che, invece, erano favorevoli alla sua pratica. Abbiamo anche letto che i problemi, nell’immaginario collettivo, risalgono all’epoca pre-islamica, a causa dell’inevitabile collegamento tra musica e danza, e atteggiamenti dissoluti, legati anche al consumo di vino. Con l’avvento dell’Islam, i primi Califfi si trovarono costretti a rompere drasticamente con le usanze precedenti, e sulla scia di un rigore anche estremo, proseguirono nel vietare o ridurre al minimo le attività musicali. Il canto è stato sempre privilegiato rispetto alla pratica strumentale, perché la voce è lo strumento primario che lo stesso Dio ha donato agli uomini. Cantare la preghiera la rendeva più bella e gradita a Dio, il quale “è bello ed ama ciò che è bello”. Si ponevano, però, diversi problemi nel momento, soprattutto, in cui si intonava il sacro Corano: se il fedele intonava i versetti coranici spiegando la voce in un vero e proprio canto, avrebbe distolto la sua attenzione dai contenuti del testo, distratto da questioni di natura estetica. E questo era inammissibile: nulla può distrarre l’attenzione del fedele dal testo sacro, tanto meno un prodotto dell’uomo, in quanto artefice del proprio canto, e non di Dio. Ma anche un altro problema interveniva, ed era quello legato alla dimensione del tempo: Dio ha creato il tempo e non è accettabile che una creazione umana si sovrapponga a quella divina. Mi spiego meglio: la musica è un’arte che si snoda nel tempo, ha un decorso temporale ben preciso che viene stabilito dal compositore e che non può, non deve entrare in competizione con il tempo voluto da Dio. Ci vollero secoli per arrivare alla soluzione della Salmodia, o Cantillazione, che ancora oggi viene seguita nell’intonazione delle Sure coraniche e nella chiamata alla preghiera, l’adhan. La scienza, perché tale viene considerata, che si occupa della “lettura” del Corano, richiede studi specifici e approfonditissimi ma quello che a noi oggi importa sapere è che la salmodia, o cantillazione, risolse i problemi nel suo porsi a metà tra la parola parlata e il canto vero e proprio. Lungi dall’essere considerata mero fatto estetico, essa permise comunque di abbellire la parola musicalizzandola, donandole un valore aggiunto, sacralizzandola, proiettandola verso Dio secondo un canale privilegiato e a Lui gradito. L’intonazione delle Sure coraniche e dell’adhan rientra nelle modalità tipiche del maqam arabo. Ecco alcuni esempi musicali pertinenti con l’argomento trattato in questo articolo: Surah Maryam Surah Maryam, altra esecuzione Surah Rahman Surah Al-Fatiha (L’Aprente) Surah Al-Fatiha (L’Aprente), altra esecuzione Surah Al-Fatiha (L’Aprente), ancora altra esecuzione Adhan: Mecca, la chiamata islamica alla preghiera Preghiera islamica sunnita (4 raakat) Altro esempio di adhan Adhan dalla Mecca, 2013   Buon ascolto e a presto! Cinzia Merletti


Cinzia Merletti

Cinzia Merletti è musicista, didatta, saggista. Diplomata in pianoforte, laureata in DAMS, specializzata in Didattica e con un Master in Formazione musicale e dimensioni del contemporaneo. Ha scritto e pubblicato saggi sulla musica nella cultura arabo-islamica e mediterranea, anche con CD allegato, e sulla modalità. Saggi e articoli sono presenti anche su Musicheria.net. Ha all'attivo importanti collaborazioni con musicisti prestigiosi, Associazioni culturali e ONG, enti nazionali e comunali, Conservatorio di Santa Cecilia, per la realizzazione di eventi artistici, progetti formativi ed interculturali tuttora in corso.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz