News Siria Zoom

Russia: in cosa differisce l’Ucraina dalla Siria?

Di Tariq al-Humaid. Asharq Al-Awsat (24/02/2014). Traduzione e sintesi di Marta De Marino.

Una domanda viene alla mente riguardo alla crisi ucraina, alla vittoria attuale dell’opposizione e al deposto presidente Viktor Yanukovich: perché la Russia ha usato due pesi e due misure in Ucraina e in Siria, quando le due situazioni non differiscono di molto nei contenuti?

In Siria, la rivoluzione è nata pacifica, poi l’opposizione è stata spinta ad imbracciare le armi dopo le brutali stragi perpetrate dal governo. Il resto della storia, messo in atto con il sostegno degli iraniani e dei russi, è noto. In Ucraina, dopo tre mesi di lotta e di morti, l’opposizione ha sottratto l’Ucraina dall’influenza russa e l’ha avvicinata all’Unione europea che, al fianco degli Stati Uniti, ha combattuto per il raggiungimento degli accordi sulle elezioni anticipate, sulle prossime riforme e sulla destituzione del presidente.

E allora ecco la domanda: perché la Russia ha allentato la presa sull’Ucraina dopo tre mesi, nonostante fosse una zona sottoposta alla sua influenza, mentre in Siria è ferma nel sostenere Assad da tre anni? La risposta migliore che ho sentito vede la Russia incapace, da sola, di imporsi, di influenzare direttamente il territorio, ma capace di usare un forza esterna come ha fatto in Siria. Nel secondo caso, infatti, le carte vincenti sono state l’Iran e le milizie sciite utilizzate per difendere Assad e per imporsi sullo scenario internazionale, soprattutto nei confronti degli Stati Uniti. Un’ulteriore spiegazione del fallimento della Russia in Ucraina è l’ingerenza dell’Unione Europea allo scopo di arrivare ad un accordo concreto con la capitale ucraina. L’Unione Europea ha giocato, così, un ruolo preponderante rispetto agli Stati Uniti, che a loro volta sostengono i negoziati tra Russia e Siria. L’Unione Europea è stata risoluta perché gli avvenimenti in Ucraina andavano ad intaccare la sicurezza nella zona ed ha agito come i sauditi con il Bahrain e lo Yemen, come gli emiratini e i sauditi con l’Egitto!

E’ necessario, quindi, ragionare accuratamente su questi giochi di ruolo paralleli tra EU e USA in Ucraina e in Siria, ma soprattutto sul ruolo della Russia. Penso proprio che tutto ciò meriti più di una riflessione.

Vai all’originale


Viviana Schiavo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.