Algeria Politica Zoom

Perché l’Algeria protegge il peggior jihadista del Sahel

Il destino di Iyad Ag-Ghali, il leader della più potente alleanza jihadista nel Sahel, sembra essere legato alle continue lotte di potere ad Algeri.

Dal blog di Jean-Pierre Filiu Le Monde (21-10-2018)

Iyad Ag Ghali, notevole personaggio proveniente dal Mali e membro di una potente tribù dei Tuareg, fa parte del jihadismo dal 2012. Ha poi fondato il gruppo Ansar Dine (Partigiani della religione) che è riuscito a controllare l’intero Mali settentrionale in collaborazione, tra gli altri, con la succursale di al-Qaeda per il Maghreb islamico (AQMI).

Questo emirato jihadista nel nord del Mali è stato smantellato dall’intervento guidato dalla Francia e dai suoi alleati africani nel 2013. Ma Iyad Ag Ghali è riuscito a eludere molteplici raid contro di lui e si è imposto a marzo 2017 come capo di un gruppo di “supporto all’Islam e ai musulmani” (GSIM / JNIM nel suo acronimo arabo).

Questa coalizione jihadista, che ha giurato fedeltà ad Al Qaeda, ha perpetrato sanguinosi attentati in Mali, Burkina Faso e Niger, prendendo di mira particolarmente diplomatici, militari e cittadini francesi (la GSIM detiene almeno sei ostaggi stranieri, tra cui un settantenne francese).

IYAD AG-GHALI IN ALGERIA

“Le Monde”, in un’indagine ben documentata lo scorso luglio, ha rivelato che i servizi lanciati sulla traccia di Iyad Ag-Ghali lo avevano spesso riferito nella città algerina di Tin Zaouatine, al confine con il Mali, dove risiede la sua famiglia. Lo stesso articolo segnalava che il leader jihadista, è stato ricoverato in un ospedale algerino a Tamanrasset, dopo la sua fuga nel 2016 a un tentativo occidentale di “neutralizzarlo”.

Le autorità algerine negano naturalmente questa informazione con insistenza. I jihadisti nel Sahel, tuttavia, concordano sul fatto che Iyad Ag-Ghali non avrebbe certamente potuto sopravvivere, per non parlare della creazione della sua rete nella regione, se non avesse “aiuti” in Algeria. Non è la natura di questi “aiuti” che verrà discussa qui, ma la logica che avrebbe portato una parte del potere algerino a garantirli.

Iyad Ag-Ghali ha una lunga storia di relazioni con i servizi algerini. Mentre dirigeva un movimento di guerriglia tuareg di ispirazione nazionalista nel 1990, il Dipartimento di intelligence e sicurezza algerino (DRS) ha fatto da padrino nella sua riconciliazione con i rappresentanti di Bamako in un incontro svolto a Tamanrasset .

Iyad Ag-Ghali dopo questa riconciliazione diventò consigliere del presidente del Mali e poi console in Arabia Saudita. Anche dopo aver preso la strada jihadista nel 2012, i funzionari algerini sono convinti di poter usare Ansar Eddine per fermare al-Qaeda per il Maghreb islamico (AQMI), e quindi limitare gli effetti della destabilizzazione del Mali settentrionale sul territorio algerino.

Su questo tema le divergenze di opinione sono lampanti tra Algeri e Parigi. La Francia considera che Iyad Ag-Ghali è irrimediabilmente impegnato nella sovversione jihadista.

L’OMBRA DI IN-AMENAS

Nel gennaio 2013, Ansar Eddine, AQMI e i loro alleati si sono mossi congiuntamente verso il Mali centrale, minacciando la capitale Bamako. François Hollande, chiamato in aiuto dal governo maliano, fa scattare l’operazione Serval. Ottenne dal presidente Abdelaziz Bouteflika l’apertura dello spazio aereo algerino all’Aeronautica francese, così come la chiusura del confine con il Mali, due condizioni essenziali per il successo di Serval.

Questo impegno senza precedenti da parte algerina non ha fatto l’unanimità tra i generali algerini, soprattutto tra quelli nazionalisti. La risposta jihadista alla decisione di Bouteflika è stata rapida con l’attacco al complesso petrolchimico di In-Amenas, quando le installazioni relative agli idrocarburi non sono mai state prese di mira in due decenni di terrorismo algerino. L’esercito ha ripreso il controllo del complesso, dove sono stati uccisi 29 jihadisti e 40 ostaggi che erano nelle loro mani.

Il capo dello Stato Maggiore, il generale Gaid Salah, accusò in quella occasione i suoi rivali della DRS (l’Intelligence algerina) di non essere in grado di anticipare un simile disastro. Il generale è stato anche molto critico con Bouteflika che avrebbe consentito alla Francia di non rispettare la sovranità nazionale.

Il presidente algerino, colpito da un ictus nell’aprile 2013, viene ricoverato in ospedale per molte settimane a Parigi, e ritorna su una sedia a rotelle. È ancora in carica per un quarto mandato nell’aprile 2014 e, ufficialmente rieletto con l’81% dei voti, è solo di facciata che esercita ora la sua autorità.

Gaid Salah continua a concentrare sempre più poteri e ottenne nell’autunno del 2015, la testa del capo della DRS, poi lo smantellamento di questo servizio. Parallelamente Algeri ha ripreso in mano il  Mali sponsorizzando un accordo di pace tra il governo e i gruppi armati nel nord del paese. Le Nazioni Unite hanno da allora denunciato la collusione algerina con Iyad Ag-Ghali.

In questo autunno del 2018, Gaid Salah appare più che mai come il vero uomo forte dell’Algeria, dove le chiamate più o meno spontanee si moltiplicano a favore di un quinto mandato di un Bouteflika evidentemente impotente.

Il potente Capo di Stato Maggiore si è imposto come un baluardo contro “l’abietto disegno che il colonizzatore non poteva raggiungere sulla terra d’Algeria”. Questa denuncia della Francia, slogan abituale nelle lotte per il potere in Algeria, si sta ora concentrando sul Sahel, e più precisamente sul Mali settentrionale. Uno dei beneficiari di tale irrigidimento potrebbe essere Iyad Ag-Ghali, le cui reti jihadiste continuano a proliferare nella regione.

Jean-Pierre Filiu è professore di storia nel Medio Oriente contemporaneo presso Sciences Po (Parigi). È stato anche visiting professor presso le università di Columbia (New York) e Georgetown (Washington). Il suo lavoro sul mondo arabo-musulmano è stato tradotto in una dozzina di lingue.

 

 


Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz