News Palestina Zoom

La Palestina necessita di leggi più severe contro l’incesto

Di Mohammad Othman. Al-Monitor  (26/03/2014). Traduzione e sintesi di Marta De Marino.

Le religioni, le società e le leggi condannano il rapporto sessuale tra familiari, il cosiddetto incesto. Questo tipo di rapporto è considerato una minaccia per l’intera comunità in quanto destabilizza il vero cuore delle società: la famiglia. Nonostante le leggi e le prescrizioni religiose, diverse persone continuano a perpetrare atti simili in tutto il mondo, nei paesi arabi e nello specifico nella comunità palestinese della Striscia di Gaza, dove si ascoltano storie aberranti che vanno contro il credo religioso.

Samah, una giovane donna di 23 anni della parte più a nord della striscia di Gaza, è diventata una prostituta dopo le ripetute violenze sessuali inflitte dal fratello maggiore. Samah ha raccontato ad Al-Monitor che suo fratello, tossico dipendente, l’ha violata per la prima volta appena sedicenne. Allora scappò via di casa e fu messa in custodia dalla polizia, finché un uomo di buona reputazione la sposò. Ma il fratello non le dava pace, minacciandola di rovinarle il matrimonio, la obbligò a rubare, fu arrestata e il marito preparò il divorziò. Samah ritornò a casa dal fratello e iniziò a drogarsi, convincendosi che tutto fosse normale, anche quando scoprì che le stesse violenze venivano inflitte alla sorella. La giovane, ora,  senza velo, con addosso dei pantaloni aderenti si accompagna a diversi uomini in una sola notte e di recente è stata arrestata.

Il direttore di una clinica psichiatrica di Rafah, YousefAwadallah, ha dichiarato ad Al-Monitor che «qualsiasi ragazza violentata soffre di gravi disagi psicologici, che la influenzeranno per tutta la vita» e aggiunge «alcune giovani poi, intraprendono una via autodistruttiva e la promiscuità è una di queste ». Altri psicologi sono convinti che dietro questo fenomeno della Striscia di Gaza ci siano altre cause. Ahmad al-Khalidi, specialista del settore, ha affermato che alcuni casi di incesto si sono verificati nelle famiglie allargate che vivono sotto lo stesso tetto, dove l’interazione tra i membri della famiglia è più stretta e intima.

Esiste un articolo del codice in vigore a Gaza riguardante l’incesto, ma secondo l’avvocato Fatima Ashour, esso è carente su diversi aspetti. L’avvocato infatti afferma che «la condanna per chi violenta una familiare è di cinque anni, mentre se la violenza viene inflitta a una donna esterna alla famiglia è di quattordici anni. L’articolo così incoraggia solo all’incesto». Nel 2012, la Commissione Indipendente per i Diritti Umani ha pubblicato un reportage intitolato “Incesto: omicidio dell’anima” preparato dalla ricercatrice e avvocato Khadija Barghouti, che nel testo sottolinea quanto la legge palestinese equipari l’aggressore alle vittime e dichiara «sono venuta alla conclusione che dobbiamo analizzare legalmente le leggi vigenti riguardanti l’incesto e scoraggiare pratiche che alimentano così questo tipo di crimine».

Vai all’originale

Viviana Schiavo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet