News Palestina Società

Palestina: un matrimonio tra bambini

130930113154437al Hayat (30/09/2013). Il matrimonio di un bambino povero di quindici anni con sua cugina di un anno più piccola ha suscitato polemiche nei territori palestinesi. Anche se il matrimonio tra giovanissimi era una cosa normale nel passato, la storia del matrimonio tra Ahmad Imad e sua cugina Tala è sembrato simile ad un film di fantasia e ha suscitato il dibattito tra i giovani di questa Striscia di terra assediata la cui maggior parte degli abitanti sono religiosi. Secondo Ahmad il matrimonio gli permetterà di sostentarsi dato che suo padre e sua madre sono entrambi malati e tutti i suoi fratelli sono disabili e nessuno poteva provvedere al sostentamento della famiglia, il che lo ha costretto a lasciare la scuola e a sposarsi. Il ragazzo dice di amare Tala, motivo per il quale ha chiesto a suo zio di sposarla. Lui ha dato il suo consenso e hanno organizzato una cerimonia semplice con l’aiuto dei vicini. Il responsabile del Centro Palestinese per i Diriti dell’uomo Hamdi Shaqoura sostiene che un matrimonio del genere è rischioso in quanto consacra una nuova minaccia per i bambini. Sottolinea che le organizzazioni comunitarie e civili stanno facendo tutti gli sforzi possibili per creare consapevolezza, in particolare nelle regioni emarginate. Shaqoura chiede di alzare la soglia di età per sposarsi, dato che la legge attuale permette il matrimonio a chi ha più di 16 anni in caso di pubertà e di maturità intellettuale. La madre dello sposo, 37 anni, ha detto che Ahmad si è sposato senza dare il mahr (dono nuziale) alla sposa e che hanno pertanto scritto nel contratto che la dote per il momento è la religione e che provvederanno a versarla quando si prospetteranno tempi migliori per loro. La sposa Tala dice che nessuno l’ha costretta a sposarsi e che di fatto si è unita con la persona che ama e che dato che sono poveri, aiuterà Ahmad nel lavoro al fine di migliorare le proprie condizioni e aiutare la famiglia. La sposa, felice nel suo vestito bianco, dice di volere dei bambini e spera che crescano in fretta perché a loro volta possano aiutare i propri genitori.


Chiara Cartia

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz