News Zoom

Nuova costituzione egiziana: basi per uno stato teocratico?

Elaph (01/11/2012). Le polemiche infuriano attorno alla nuova futura costituzione, con numerose organizzazioni e movimenti che mettono in guardia su quello che potrebbe diventare l’Egitto: una repubblica teocratica stile Iran dove i principi della Shari’a islamica verrebbero usati come arma dai partiti al potere per respingere qualsiasi critica o minaccia. Sherif Halaly, attivista per i diritti umani, descrive l’assemblea costituente come povera di politici di rilievo ed esperti legali competenti.

Halaly attacca i Fratelli Musulmani, accusandoli di lavorare ad una costituzione che garantisca loro di restare al potere il più a lungo possibile, creando un clima di tirannia e repressione. Preoccupa anche il futuro e l’indipendenza delle varie Ong e delle varie organizzazioni per la difesa e la tutela dei diritti umani, a rischio repressione “qualora andassero contro la legge di Dio”. Halaly ammette che sin dal 2011 l’oppressione e la marginalizzazione  alle quali vengono sottoposti gli attivisti politici non sono meno violente delle repressioni messe in atto dal vecchio regime di Mubarak. Le minacce al diritto alla protesta e allo sciopero, le pressioni contro i media e gli organi giudiziari, il ritorno degli abusi da parte della polizia vanno tutti verso una preoccupante direzione.

Luca Pavone

 

 

Luca Pavone

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

summer_school_a_tangeri

Ultimi tweet