Nigeria Zoom

Nigeria, Camerun, Niger, Ciad: la minaccia di Boko Haram si estende

Jeune Afrique (13/01/2015). Traduzione e sintesi di Cristina Gulfi.

Scontri durati 5 ore, quasi 150 jihadisti uccisi: questi numeri rendono bene l’idea degli intensi combattimenti che si sono svolti il 12 gennaio scorso tra l’esercito nigeriano e gli islamisti di Boko Haram nei pressi di una base militare a Kolofata, estremo nord del Camerun.

L’attacco è iniziato all’alba, verso le 6:30 (ora di Yaoundé). Approfittando della foschia, gli assalitori hanno sorpreso le forze di difesa camerunesi “in prossimità del campo militare e in altri punti nevralgici della zona”, ha precisato il ministro della Comunicazione e portavoce del governo, Issa Tchiroma Bakary.

Dopo 5 ore di combattimento, i jihadisti sono stati infine respinti verso il confine con la Nigeria. Non è stato possibile stabilire nessun bilancio da fonti indipendenti. Il rapporto del governo del Camerun riporta “143 terroristi della setta criminale Boko Haram uccisi” e un proprio soldato morto. Questo è il primo grande attacco sferrato dagli islamisti contro Kolofata da quando il Battaglione di Intervento Rapido, unità d’élite dell’esercito camerunese, è stato qui dispiegato.

BoKo Haram continua espandersi nel nord-est della Nigeria, ma è molto attivo anche lungo le zone di confine con il Camerun, il Ciad e il Niger, suscitando la preoccupazione delle autorità e delle popolazioni vicine.

All’inizio di ottobre, il gruppo islamista ha preso Malam Fatori e Damasak, due località nel nord-est della Nigeria al confine col Niger. “Si scorge la bandiera nera dei jihadisti sventolare aldilà della frontiera”, lamentava ai primi di gennaio Hankaraou Biri Kassoum, sindaco di Diffa in Niger. “Quasi tutti i villaggi e le grandi città della Nigeria vicine al Niger sono sotto il controllo di Boko Haram, viviamo nel timore di eventuali attacchi islamisti”, ha proseguito. Anche il Ciad vede il gruppo islamista avvicinarsi pericolosamente al suo territorio.

Ad una settimana dall’assalto a Baga, Boko Haram controlla sempre questo snodo commerciale nel nord-est della Nigeria. Gli insorti “hanno alzato delle barricate nei punti strategici della città. Ci sono corpi ovunque e l’odore dei cadaveri in decomposizione appesta la città”, ha riportato lunedì Borye Kime, pescatore di Baga.

I massacri sono durati 3 giorni. Il gruppo islamista ha lanciato un primo attacco su Baga, sulle rive del lago Ciad, nel nord dello Stato di Borno, il 3 gennaio, per tornare diversi giorni dopo e radere completamente al suolo la città e una quindicina di villaggi nei dintorni.

I responsabili locali hanno riferito di un gran numero di morti, ma non è stato possibile confermare alcun bilancio. Secondo i soccorsi, circa 20.000 persone sono fuggite verso Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, circa 200 km a sud, o verso i Paesi vicini.

Vai all’originale

Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet