Media News Palestina Società

Netanyahu accusato di aver provocato chiusura canale TV contro guerra di Gaza

Al-Jazeera. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, è stato incolpato per la chiusura del famoso Canale 10, che smetterà di trasmettere oggi, 31 dicembre, ultimo giorno della sua licenza. La rete televisiva doveva saldare un debito di 9 milioni di dollari con lo Stato per poter rinnovare la sua licenza.

La chiusura del canale è un segno di protesta contro Netanyahu, non solo in qualità di premier ma soprattutto in qualità di ministro delle Telecomunicazioni: il management della rete, infatti, lo accusa di non aver fatto niente per risolvere questa situazione, non agevolando il pagamento del debito e forzando il canale alla chiusura.

Tuttavia, il management di Canale 10, la seconda rete più importante di Israele, è convinto che il comportamento del premier sia dovuto al fatto che il canale è sempre stato critico nei confronti delle sue politiche e, la scorsa estate, si è identificato tra le principali voci dei media contro l’aggressione israeliana alla Strisci di Gaza.

 

Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.