News Politica Società

Muslima, la mostra online dedicata alle donne musulmane

street art di BR1, Torino
street art di BR1, Torino

Daily Star Lb (11/04/2013). Inaugurata lo scorso mese in onore della Giornata Internazionale della Donna, Muslima è una mostra online dedicata all’arte, la fotografia e la scrittura delle donne con un obiettivo: esplorare cosa significa essere una donna musulmana nel mondo di oggi. La mostra è curata dalla scrittrice, artista ed attivista Samina Ali, che vive in California, ed è organizzata e ospitata dall’international Museum of Women. Muslima punta ad incoraggiare il dialogo tra culture concentrandosi sulle donne musulmane per rompere barriere, lottare contro gli stereotipi e facilitare la comprensione. Samina Ali ha trascorso due anni nel mettere insieme il materiale per la mostra, contattando importanti donne musulmane perlopiù molto attive nel promuovere i diritti delle donne. Ad oggi, Muslima vanta – tra molti altri – il contributo della pittrice libanese Helen Zughaib, l’artista palestinese Laila Shawa, la pittrice iraniana Samira Abbassy e della scultrice, video artist e fotografa italiana Maimouna Guerressi. Tra le donne intervistate da Samina Ali ci sono anche Shirin Ebadi, l’avvocatessa iraniana divenuta la prima donna musulmana a ricevere il Nobel per la Pace, e Maria Bashir, attualmente unica donna procuratrice generale dell’Afghanistan, che ha rischiato la vita per educare le donne del suo Paese e lottare contro l’alto livello di violenza sulle donne nella società afghana.

Il titolo, Muslima, è spiegato dalla curatrice stessa: “In arabo, muslima si usa per indicare una donna che crede in Dio e ne rispetta i valori come la preghiera, la carità, il digiuno, la gentilezza e la misericordia. Nel modo in cui ho scritto muslima, è singolare: una donna. L’ho fatto apposta”. Questo perché “in un mondo abituato a negare la rigogliosa diversità dei pensieri e dei contributi delle donne musulmane, a cancellare le loro differenze complesse riducendole ad un semplice stereotipo di gruppo oppresso, ad esseri umani minori, il titolo di questa mostra mette in luce la forma singolare di muslima per rendere omaggio alle passioni e alle conquiste uniche di ogni singola donna musulmana che dà il suo contributo”. Stando al Corano, ricorda Samina, il termine muslima si applica a “chiunque creda in una forza superiore e porti avanti il bene nel mondo”.

Muslima è visitabile online al sito http://muslima.imow.org


Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz