Economia Gallery Moda

Moda islamica: 322 miliardi di dollari nel 2018?

Sicuramente ci sono opinioni contrastanti in merito, ma una cosa è certa: lo stereotipo dell’hijab come indumento blando e restrittivo fa ormai sorridere.

Secondo le stime, dai 224 miliardi di dollari del 2012, i consumatori nel settore della moda e più in generale dell’abbigliamento in “stile islam” raggiungeranno ben 322 miliardi di dollari nel 2018.

Il vestiario quindi è oggi per i fedeli dell’islam non più, o perlomeno non più soltanto, un simbolo di modestia e semplicità.

I paesi top di consumatori di abbigliamento musulmano sono la Turchia con 25, l’Iran con 21, l’Indonesia con 17, l’Egitto con 16, l’Arabia Saudita con 15 e il Pakistan con 14 miliardi di dollari, secondo i dati.

 

Secondo albawaba.com, le opportunità chiave sulle quali porre l’attenzione per investimenti sono:

– Finanza islamica e piccole/medie imprese di moda halal: questo settore dovrebbe essere considerato di fondamentale importanza dato il grande volume di attività per investitori e aziende di abbigliamento;

– Sviluppo del brand concept halal a livello globale;

– Paesi OCI (Organizzazione della Cooperazione Islamica) esportatori / produttori: la produzione di abbigliamento è una delle maggiori industrie dei paesi OCI;

– Mercato della moda islamica in occidente: i musulmani d’Europa e Stati Uniti spendono più di 20 miliardi di dollari all’anno in abbigliamento.

 

Dalle più moderate alle #mipsterz, le musulmane hipster che hanno spopolato negli Stati Uniti (video), la fusione tra moda e fede è un dato di fatto che si presenta come un’enorme industria in espansione, dalla passerella allo shop online.

 


Emanuela Barbieri

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz