- Home > I Blog di Arabpress > Musiqa > Marwan Samer ed Eugenio Bennato, insieme come le due sponde del Mare Nostrum
I Blog di Arabpress Musiqa

Marwan Samer ed Eugenio Bennato, insieme come le due sponde del Mare Nostrum

Buongiorno a tutti!

Vi ricordate che ci siamo lasciati, nell’ultimo articolo, lasciando in sospeso il discorso sulla recente collaborazione musicale fra Marwan Samer ed Eugenio Bennato? Bene, come d’accordo eccoci di nuovo con Marwan, per parlarne e saperne di più.

C.: Marwan, raccontaci come è cominciata e come si sta evolvendo questa nuova avventura musicale che, come vedremo leggendo le tue risposte, ha contenuti e prospettive importantissime.

M.: Certo Cinzia! Ho avuto il piacere di conoscere Eugenio Bennato alla cerimonia conclusiva di una rassegna di incontri con le comunità e le associazioni migranti presenti sul territorio italiano, organizzato dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; un’iniziativa atta a mostrare i diversi volti dell’Italia che cambia e permettere di apprezzare la bellezza delle diversità culturali che la popolano. Gli organizzatori della rassegna mi avevano contattato, insieme alla cantante svizzera Alice Mondia, per interpretare con Eugenio Bennato, ospite d’onore della cerimonia, alcuni dei suoi brani più celebri. Insieme abbiamo eseguito la canzone inno alla mediterraneità, “Che Mediterraneo Sia” e “Tarantella Power”, che ho accompagnato con versi in arabo e antichi mawwal.

Cinzia 06 set intervista Marwan Samer e Eugenio Bennato in
Marwan Samer e la cantante napoletana Pietra Pontecorvini

C.: Interessante! E come è stato questo connubio musicale e linguistico?

M.: Meglio di quanto si possa immaginare. In questa breve ma intensa esperienza, siamo rimasti felicemente sorpresi dalla naturalezza con cui riuscivamo a trovare le giuste modulazioni per fondere le culture musicali dei nostri due mondi accomunati dallo stesso mare. È stato così che Eugenio mi ha proposto di accompagnarlo nella sua tournée, ‘Balla la Nuova Italia 2014″, ed è cominciata questa grande avventura con il suo gruppo del progetto Taranta Power, che mi ha iniziato ai ritmi della tamorra e della taranta. Sono riuscito ad accordare tutto questo senza sforzo ai ritmi della tradizione popolare tunisina come il gobbihi, il fezzani e il souga. In altri brani invece intervengo proponendo brani di mia composizione, tratti da poesie di autori arabi contemporanei. Spesso i testi trattano di questioni politiche, come ad esempio il brano “Kifeya” (Basta) che parla dei movimenti popolari di protesta che hanno investito il mondo arabo nel 2011, noti come “primavere arabe”.

C.: Bravissimo, Marwan. Attualmente state lavorando a qualcosa in particolare? So che fino a pochi giorni fa eravate ancora insieme in concerto, in giro per l’Italia.

M.: Sì, al momento stiamo lavorando a dei duetti in italiano e in arabo, per l’uscita del prossimo album nel 2015. Il pubblico che segue Eugenio Bennato da un capo all’altro del suo “grande Sud” è entusiasta di queste commistioni di ritmi e di colori che sa proporre. La sua passione per la contaminazione artistica è molto apprezzata dalle nuove generazioni e nasce dalla sua intuizione che il futuro della musica italiana è nel ritorno alle sue radici popolari, i cui i ritmi da sempre si fondono e confondono con le sonorità dei popoli con cui
vengono in contatto nel corso della storia.

C.: Sono d’accordo. Ottimo lavoro, ancora bravissimo e, per favore, fai i miei complimenti anche ad Eugenio Bennato per tutta la sua carriera e per il bel lavoro che sta facendo con te.  A presto!

 

Cinzia Merletti

 

 


Cinzia Merletti

Cinzia Merletti è musicista, didatta, saggista. Diplomata in pianoforte, laureata in DAMS, specializzata in Didattica e con un Master in Formazione musicale e dimensioni del contemporaneo. Ha scritto e pubblicato saggi sulla musica nella cultura arabo-islamica e mediterranea, anche con CD allegato, e sulla modalità. Saggi e articoli sono presenti anche su Musicheria.net. Ha all’attivo importanti collaborazioni con musicisti prestigiosi, Associazioni culturali e ONG, enti nazionali e comunali, Conservatorio di Santa Cecilia, per la realizzazione di eventi artistici, progetti formativi ed interculturali tuttora in corso.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento