Arabia Saudita Iran Qatar Zoom

L’Iran rifiuta le accuse “senza fondamento” dell’Arabia Saudita al vertice arabo

al-Jazeera 31/05/2019 Traduzione e sintesi di Katia Cerratti

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano denuncia le accuse del re saudita Salman che imputa a Teheran l’intromissione nella regione.

L’Iran ha respinto quelle che definisce accuse “infondate”, fatte in un vertice arabo, dicendo che l’Arabia Saudita si è unita agli Stati Uniti e a Israele in uno sforzo “senza speranza” per mobilitare l’opinione regionale contro Teheran, secondo quanto hanno riferito i media di stato.

Il re dell’Arabia Saudita, ieri ha affermato, in un summit arabo di emergenza, che è necessaria un’azione decisiva per fermare le “escalation” iraniane nella regione a seguito degli attacchi alle risorse petrolifere nel Golfo, mentre funzionari americani hanno dichiarato che un dispiegamento militare Usa ha scoraggiato Teheran.

L’agenzia di stampa statale IRNA ha riferito che il portavoce del ministero degli Esteri, Abbas Mousavi, ha respinto le accuse infondate dei capi di alcuni paesi arabi e ha affermato:“Vediamo lo sforzo saudita di mobilitare l’opinione [regionale] come parte del processo senza speranza seguito dall’America e dal regime sionista contro l’Iran “.
I commenti di King Salman Abdul Aziz sono arrivati nel corso di un meeting di emergenza in cui l’Arabia Saudita ospita alla Mecca le riunioni di del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC), l’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC) e la Lega Araba, per contrastare quella influenza dell’Iran che ritiene in crescita.

Una dichiarazione golfo-araba e un comunicato separato emesso dopo il più ampio vertice, hanno entrambi sostenuto il diritto dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti (EAU) di difendere i loro interessi dopo gli attacchi alle stazioni di pompaggio del petrolio nel regno e le navi cisterna al largo delle coste degli Emirati Arabi.

Ma in un contesto di tensioni regionali, l’Iraq, che ha buoni legami con il vicino Iran e gli Stati Uniti, ha dichiarato di opporsi al comunicato arabo, secondo il quale qualsiasi cooperazione con Teheran dovrebbe essere basata sulla “non interferenza negli altri paesi”.

Da Teheran, Zein Basravi di Al Jazeera, ha affermato che l’Iran sa che il comunicato finale dell’incontro “non è necessariamente la vera opinione di tutti i membri del GCC”.
“Egli [Mousavi] ha anche respinto e condannato le accuse contro l’Iran per aver interferito negli affari dei paesi vicini, come hanno dichiarato i sauditi durante l’incontro“, ha aggiunto.

Secondo Basravi, il leader iraniano ha affermato che “l’Arabia Saudita stava abusando del suo ruolo di ospite per l’incontro dell’OIC per diffondere politiche di divisione tra i leader musulmani”.
Rivolgendosi ai leader arabi e musulmani, il re Salman ha spinto la comunità internazionale a “usare tutti i mezzi per impedire all’Iran di interferire negli affari di altri paesi”.

Ha affermato inoltre che le azioni di Teheran hanno minacciato il commercio marittimo internazionale e le forniture globali di petrolio in una “evidente violazione dei trattati delle Nazioni Unite”.
“Questa è una nuda aggressione contro la nostra stabilità e la sicurezza internazionale”, ha detto il governatore saudita ai funzionari riuniti.
“I recenti atti criminali dell’Iran richiedono che tutti noi lavoriamo seriamente per preservare la sicurezza dei paesi del GCC”, ha aggiunto il re.

Nelle sue osservazioni di apertura, il ministro degli Esteri saudita Ibrahim al-Assaf, ha dichiarato che il presunto sabotaggio di petroliere al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti e gli attacchi di droni su un oleodotto saudita da parte dei ribelli Houthi dello Yemen nelle ultime settimane, minacciano l’economia globale e mettono in pericolo la sicurezza internazionale.
“Dovremmo affrontarlo con tutti i mezzi di forza e fermezza”, ha affermato.

Un funzionario iraniano era presente all’incontro in cui Assaf parlava. Teheran ha negato qualsiasi coinvolgimento negli attacchi.
Il Consigliere per la Sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, ha affermato mercoledì che le mine iraniane sono state “quasi certamente” utilizzate nelle operazioni con navi cisterna. Tuttavia, non ha fornito prove.
Un funzionario iraniano ha respinto le affermazioni di Bolton come “affermazione ridicola”.

L’animosità è aumentata tra gli Stati Uniti e l’Iran dopo che Washington si è ritirata da un accordo nucleare multinazionale per la presunta violazione dei termini di Teheran. Gli Stati Uniti hanno reimposto quindi le sanzioni e potenziato la presenza militare nel Golfo.
Ieri, l’osservatore atomico delle Nazioni Unite ha dichiarato che l’Iran ha continuato a rimanere entro i limiti fissati dall’accordo nucleare del 2015, ma ha riferito che le sue scorte di uranio e acqua pesante a basso arricchimento stanno crescendo, sollevando domande per la prima volta sull’adesione dell’Iran a una chiave di disposizioni intese a limitare l’uso da parte del paese di centrifughe avanzate.

Il re Salman ha invitato al vertice della Mecca l’Emiro Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani, il cui paese ospita la più grande base militare degli Stati Uniti nella regione.
Il primo ministro del Qatar, lo sceicco Abdullah bin Nasser Al Thani, ha presenziato all’incontro ed è il più alto funzionario del Qatar a visitare il regno da quando, nel giugno 2017, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e l’Egitto hanno imposto un blocco di terra, mare e aria alla nazione ricca di gas.

Thomas Pickering, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha dichiarato ad Al Jazeera che la presenza del primo ministro del Qatar al vertice è stato un passo importante.
“L’invito ha aperto la porta più che un pochino: la presenza di [Sheikh Abdullah] lì e la stretta di mano è un segno che l’Arabia Saudita vuole l’unità nel Consiglio di cooperazione del Golfo e che l’unità si sta diffondendo”, ha affermato Pickering.

Gli analisti ritengono che il summit di emergenza sarà seguito da vicino per stabilire se i sauditi appoggeranno il Qatar come mediatore nella disputa con l’Iran nello stesso modo degli Stati Uniti.
All’inizio di questo mese, Al Jazeera ha riferito che il ministro degli esteri del Qatar aveva tenuto colloqui con il suo omologo iraniano a Teheran, con lo scopo di disinnescare le crescenti tensioni nel Golfo.
“Washington sembra aver scommesso su Doha per ridimensionare le cose aprendo nuovi canali con Teheran, la questione è se l’Arabia Saudita e in particolare gli Emirati Arabi Uniti possano essere d’accordo su Doha come mediatore”, ha affermato ad Al Jazeera Andreas Krieg del King’s College London.
“Il fatto che i sauditi abbiano contattato l’emiro del Qatar, suggerisce che la tensione con l’Iran è presa molto sul serio a Riad, quindi il regno è pronto a costruire un consenso più ampio del solito su come trattare con l’Iran“, ha aggiunto Krieg.
Gli stati del Golfo hanno una forza di difesa congiunta sotto il GCC, ma l’alleanza di 39 anni è stata spezzata dal blocco del Qatar.

Vai all’originale


Katia Cerratti

Giornalista professionista, laureata in Lingue orientali con una tesi in Islamistica sull’integralismo islamico in Egitto, comincia ad amare la lingua araba all’età di undici anni, quando un compagno di scuola, marocchino, le scrive il nome in arabo sul diario: Muhammad محمد. Coltiva negli anni una grande passione per il multiculturalismo, la difesa dei diritti umani e delle minoranze, segue la politica estera in particolare di Asia e Medio Oriente e la vita culturale di queste regioni. Inizia a scrivere sul "Calendario del popolo” di Nicola Teti, ha collaborato con il settimanale Left e con le testate online arabismo.it e newscinema.eu, e attualmente scrive per arabpress.eu. Da molti anni lavora nella redazione Media Management di Rainews24.

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz