News Politica Siria Zoom

L’illusione di una “soluzione politica” in Siria

Zoom 17 nov Siria

Zoom 17 nov SiriaDi Elias Harfoush. Al-Hayat (12/11/2013). Traduzione e sintesi di Laila Zuhra.

C’è un consenso quasi unanime, sia tra i mediatori nella crisi siriana che tra le personalità politiche occidentali coinvolte nella questione, sul fatto che non possa esserci una soluzione militare al conflitto e che l’unica strada da seguire sia quella della soluzione politica.

Coloro che sostengono questa possibilità sono indubbiamente consapevoli di tutte le implicazioni e le condizioni che una soluzione politica comporta. In tutte le crisi regionali e internazionali, dalla guerra in Libano al conflitto bosniaco, dalla guerra in Afghanistan a quella in Iraq, la soluzione politica raggiunta è stata il risultato della sconfitta militare di una delle parti o della rinuncia degli sponsor regionali e internazionali a sostenere questa o quella parte.

Non è questo, però, il caso della Siria. Finora non c’è alcun segnale della possibilità che il regime o l’opposizione possano riportare una vittoria militare tanto schiacciante da costringere l’altro alla resa. Inoltre, gli sponsor esterni che forniscono armamenti, aiuti finanziari e appoggio politico sono disposti più che mai a continuare a dare tale sostegno, se non addirittura a rafforzarlo.

Considerando la ben nota divergenza di posizioni, inoltre, sembra non esistere la possibilità di una soluzione mediata tra le parti in conflitto: l’opposizione esclude qualsiasi eventualità di affidare un ruolo a Bashar al-Assad nella fase post-risoluzione, mentre al-Assad, dal canto suo, la ritiene una “precondizione” irrinunciabile all’inizio dei negoziati.

Oggi spetta all’Occidente il compito di definire una “soluzione politica” con al-Assad, benché sia noto che l’unica soluzione presa in considerazione dal regime e dai suoi apparati di sicurezza prevede l’eliminazione degli oppositori al regime, ”i traditori e i terroristi”.

I sostenitori della soluzione politica, in realtà, non cercano alcuna soluzione. Ne è una prova il fatto che, nel giungere a un accordo con il Cremlino sulla questione delle armi chimiche siriane, i rappresentanti occidentali non abbiano discusso del futuro del regime e della necessità di destituirlo per porre fine alla crisi, in linea con gli impegni già assunti. Al contrario, quell’accordo ha ridato linfa vitale al regime di al-Assad.

Un’altra prova sta nella ricerca di un accordo con Teheran da parte dell’Occidente: nonostante sia risaputo che il coinvolgimento dell’Iran e dei suoi gruppi armati affiliati (siano essi in Iraq o in Libano) consente al regime di rimanere in piedi, i negoziatori non hanno saputo trovare una ragione che li spingesse a chiedere all’Iran di interrompere la sua ingerenza nel conflitto siriano, per avere, così, la concreta opportunità di giungere a quella soluzione politica ritenuta come l’unica via d’uscita possibile.

Vai all’originale

 

Roberta Papaleo

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet