- Home > News > Libia: il ritorno dei lealisti di Gheddafi
Libia News Zoom

Libia: il ritorno dei lealisti di Gheddafi

gheddafi
In Libia, la gente sta cominciando a fare paragoni tra il passato e il presente e preferisce il passato di Gheddafi

Di Mathieu Galtier. Middle East Eye (11/11/2016). Traduzione e sintesi di Roberta Papaleo.

La situazione in Libia è talmente caotica che ormai si parla di “libianizzazione”: una combinazione fatale di balcanizzazione, intesa come la divisione di uno Stato in regioni autonome, e somalizzazione, intesa come la caduta del governo a favore di milizie.

Al momento, il paese ha tre governi. Negli ultimi cinque anni, la Libia ha assistito a due elezioni generali, un colpo di Stato fallito, l’arrivo di Daesh (ISIS) e conflitti etnici. La situazione è talmente disastrosa che molti fanno appello al ritorno alla Jamahiriya, lo “Stato delle masse”, instaurato da Muammar Gheddafi.

“Vogliamo liberare la Jamahiriya, vittima di un golpe diretto dalla NATO”, afferma Franck Pucciarelli, francese residente in Tunisia e portavoce di un gruppo di sostenitori dei gruppi rivoluzionari libici e internazionali, gruppo che funge da cinghia di trasmissione dell’ideologia di Gheddafi. L’organizzazione, in attività dal 2012, comprende circa 20.000 membri in Libia e sono più di 15.000 gli ex soldati in esilio pronti a tornare: “Se la Libia cade nel caos, è grazie alle nostre azioni”, dichiara Pucciarelli. Ahmed, ex direttore del ministero degli Esteri oggi residente in Tunisia, è più pacato: “Non siamo responsabili di niente. Il popolo libico e la comunità internazionale si sono semplicemente resi conto che la Libia può essere governata solo dalla Jamahiriya“.

Tuttavia, i due sono d’accordo su come guidare il paese una volta ripreso il controllo: l’idea è quella di organizzare un referendum sul ritorno della Jamahiriya con la supervisione della comunità internazionale. Si tratterebbe di uno Stato delle masse moderno, con un senato che rappresenta le tribù, una camera bassa e una Costituzione (che mancava nell’era Gheddafi). Rachid Kechana, direttore del North African Study Centre on Libya, sorride di fronte a questa ipotesi: “Il ritorno al vecchio regime è comprensibile dopo il fallimento della transizione post-rivoluzione, ma non ha un vero appoggio popolare. I lealisti di Gheddafi non torneranno mai al potere, ma avranno comunque una certa importanza, grazie alle alleanze strategiche della futura Libia”.

Mattia Toaldo, esperto di Libia per l’European Council on International Relations, ha identificato tre tipi di lealisti: i sostenitori di Saif el-Islam, figlio prediletto del rais, dal 2011 detenuto nella città di Zentan nell’ovest del paese; i sostenitori del generale Khalifa Haftar, nell’est della Libia; e i sostenitori ortodossi della Jamahiriya, la fazione più estremista, di cui Ahmed e Pucciarelli fanno parte.  Quanti si sono uniti a Haftar hanno goduto dell’amnistia approvata dal parlamento di Tobruk che ha interessato tutti i crimini commessi durante le rivolte del 2011. Un altro testo mira a rimpatriare gli esiliati, che sono tra 1,5 e 3 milioni, di cui gran parte lealisti di Gheddafi che si sono rifugiati in Tunisia ed Egitto. Il clan di Saif el-Islam è probabilmente il più organizzato e comprende una fetta dei sostenitori ortodossi. Sebbene condannato a morte in contumacia il 28 luglio 2015, Saif è ancora vivo. Ufficialmente prigioniero delle milizie locali, gode di condizioni di detenzioni alquanto morbide, tanto in termini di spostamenti che di comunicazione con l’esterno.

Per Saif el-Islam non si tratta di recuperare il potere di tutto il paese, almeno per ora, ma di riuscire a manovrare la riconfigurazione politica della Libia nell’ombra. Molte tribù dell’ovest temono l’avanzare costante di Haftar, sostenuto dalle tribù dell’est. Tuttavia, oggi la Tripolitania è divisa tra un gruppo islamista e il Governo di Accordo Nazionale (GNA), molto debole anche se riconosciuto a livello internazionale. Saif el-Islam potrebbe essere il volto della Cirenaica. Nel settembre 2015, l’autoproclamato Consiglio Supremo delle Tribù Libiche ha scelto Saif come legittimo rappresentante del paese. Il consiglio di base riunisce quelle tribù rimaste fedeli a Gheddafi e non hanno potere politico, ma il loro gesto è assai significativo. Inoltre, lo scorso agosto le Nazioni Unite hanno invitato alcuni lealisti dell’ex rais per discutere le possibili soluzioni alla crisi economica e politica del paese.

La gente, poi, sta cominciando a fare paragoni tra il passato e il presente, e preferisce il passato: “Il paese è diventato una barzelletta. C’è guerra civile ovunque, non ci sono soldi e la massima aspirazione professionale è arruolarsi in una milizia”, dice Mahmoud Abdelaziz, 40enne di Tripoli, che allo stesso tempo però riconosce che la rivoluzione ha garantito la libertà di critica, impossibile sotto Gheddafi. Tuttavia, è convinto che prima si stava meglio, che la “sicurezza è meglio che la libertà”.

Mathieu Galtier è un giornalista francese freelance esperto di Tunisia e Libia che vive a Tunisi.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

 


Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz