News Zoom

Libia: inizia da zero la costruzione della società civile

Elaph (20/07/2012). Traduzione di Cristina Gulfi

In Libia, le organizzazioni della società civile sono ritenute necessarie per la nascente democrazia e per riformare lo stato dopo anni di dittatura. Tuttavia sono molte le difficoltà nel reperire fondi e sviluppare le dovute conoscenze.

A questo proposito, il giornale “The Christian Science Monitor” riporta le parole del sottosegretario al ministero della cultura e della società civile: “C’è bisogno di associazioni civili quasi ovunque per ricostruire le istituzioni, incoraggiare la partecipazione del popolo, combattere la corruzione e intervenire in molti altri ambiti”.

Sono tutte sfide che la Libia ha ereditato da Gheddafi, il quale dopo essere salito al potere nel 1969 ha smantellato le istituzioni dello stato e proibito partiti e sindacati mentre le associazioni per essere autorizzate dovevano avere 50 membri e passare al vaglio dell’apparato di sicurezza.

Negli ultimi anni, poi, diversi familiari di Gheddafi hanno fondato organizzazioni non governative fedeli al regime che consumavano il denaro pubblico a scapito dei servizi. Quando è iniziata la guerra, le associazioni umanitarie sono rinate, composte perlopiù da amici e vicini di casa, provvedendo a garantire organizzazione, cibo e istruzione.

Le autorità provvisorie vogliono che queste associazioni continuino a lavorare ma molte hanno chiuso per mancanza di una leadership e di mezzi per ottenere denaro. Al riguardo sarà creato un centro di supporto per fornire servizi di formazione nel campo della gestione, della progettazione e della raccolta fondi.

Finita la rivoluzione, c’è ora il timore che l’energia della società civile si affievolisca a causa dei ritardi nel finanziamento pubblico e di un sistema poco trasparente ed equo. Per questo motivo, le autorità stanno lavorando ad una politica in suo favore che non ne limiti l’autonomia e impedisca un uso improprio dei fondi, senza dimenticare che alcune associazioni si rivolgono al settore privato per ottenere denaro.

Cristina Gulfi

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet