News Politica Zoom

Le rivolte arabe e la distanza del Libano

di Elias Dairy (Annahar 16/06/2012). Traduzione di Claudia Avolio

 

Quando le rivoluzioni iniziano a lanciare accuse ai propri figli e ai pilastri su cui sono state erette, rinnegando i princìpi da cui sono scaturite e il coro di slogan e declamazioni che le hanno accompagnate, viene ripetuto il leit motiv che recita: “Nel cambiamento delle nazioni, conserva la testa”. A partire dalla rivoluzione francese – o “la madre delle rivoluzioni” – la gente ha preso a seguire gli sviluppi interni delle rivolte. Tutti attendono il momento in cui i rivoltosi si lancino nel vivo della rivoluzione, atterrando su chi occupa i troni del potere e ne dirige le fila. Ė ormai consueto e familiare che un rivoltoso vada a dormire nelle vesti di leader della sommossa, e al mattino il popolo si risvegli per scoprire che il leader si è mutato in cadavere.

 

Gli appassionati di Storia, e in particolare di Storia delle Nazioni, ricorderanno bene come “la madre delle rivoluzioni” abbia consumato gran parte dei suoi protagonisti, personalità di spicco e beniamini: la schiera di chi è diventato cenere e di chi ha preso il posto di coloro che erano morti. E questo nell’arco di quasi un intero secolo. La rivoluzione bolscevica, dal canto suo, non si è distaccata da tale modus operandi. Soprattutto quando “l’imperatore del proletariato” Joseph Stalin, ha liquidato i membri del comitato centrale – sotto lo sguardo del suo “saggio” Lavrentij Berija e del suo seguito – e ha poi formato i “comitati rivoluzionari”. Stalin li ha incaricati della missione di “epurare la rivoluzione e i suoi ranghi dagli opportunisti, i degenerati, chi tramava in segreto” – ed erano milioni.

 

Già, le rivoluzioni fagocitano i loro figli, chi le guida e le loro nazioni. Le stesse “rivolte” degli ufficiali arabi e dei loro colpi di Stato – che si sono addobbati in veste di “rivolta” e “cambiamento” – hanno fatto dal canto loro ciò che è stato fatto dai rivoltosi delle rivoluzioni vere. E gli ufficiali hanno commesso tutto ciò che è rientra nella definizione di “crimini”: ogni sorta di repressione, vendetta ed assassinio, mutandosi poi in monarchi, capi di Stato, milionari e imperatori. Hanno reso la gente impotente dinanzi al loro operato, spaventata com’era dalla spada del dittatore e dalla barbarie dei suoi affiliati, con lo spettro della fame, la sete e le malattie. Non c’era alcuna Maria Antonietta araba a consigliare loro di “far mangiare al popolo la brioche” se era impossibile ottenere il pane. Ecco, le rivolte arabe sono guidate da un modello simile, in cui qualcuno inizia a fagocitarne i figli, le promesse, gli slogan.

 

Pensiamo a ciò che ribolle negli abissi dell’Egitto, e ciò che vive la Libia con le sue divisioni, l’insubordinazione e la tendenza alla scissione. Quello a cui assiste la Tunisia, con le sue manifestazioni, gli scontri, i suoi focolai e i disordini. Volgiamo lo sguardo allo Yemen coi suoi conflitti interni e le perdite; alle acque in cui versa il Bahrein, trovandosi a nuotare tra i suoi squali e i suoi alligatori. E la Siria? Quel che subisce e sopporta da 16 mesi… Sono tante queste “esplosioni”, e non sono diverse dalle esplosioni violente della natura e dalle eruzioni dei vulcani. Guardano a esse i governanti libanesi e gli arroganti, come se le vedessero sullo schermo della loro tv, prima che li colga il sonno e dimentichino. Poggiando sugli allori del fatto che il Libano è distante da quei focolai. E se ne è allontanato ancora di più quando ha abbracciato la dottrina dell’autodistanziamento. Ma nessuno poi sa quando finisce l’effetto della distanza.

Claudia Avolio

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi Studiare Arabo?

Ultimi tweet