Politica

L’ascesa dell’estrema destra in Europa

europa unione europea UE
Al momento l'Europa è divisa tra una parte anti-immigrati, nazionalista, conservatrice e anti-Islam, e un'altra una che sostiene il pluralismo culturale e religioso

Di Reem Kahlifa. Rai al-Youm (23/04/2017). Traduzione e sintesi di Alberto Claudio Sciarrone.

Più di 5.000 persone hanno protestato a Colonia contro la conferenza del partito di estrema destra anti-immigrazione Alternativa per la Germania (Alternative für Deutschland). L’ala dei manifestanti era composta da partiti di sinistra, verdi ed organizzazioni civiche che hanno rotto il cordone di sicurezza imposto dalla polizia ed hanno cercato di bloccare l’arrivo dei politici di estrema destra per l’evento programmato.

Questo tipo di dimostrazioni non è nuovo in Europa ma anzi riflette la situazione attuale: da una parte una frangia anti-immigrati, nazionalista, conservatrice e anti-Islam; dall’altra una che sostiene il pluralismo culturale e religioso e che crede nei principi dell’Unione Europea.

L’ascesa di Trump in America e l’uscita della Gran Bretagna dall’Europa hanno rafforzato la prima fazione, rappresentata dalla Polonia, dall’Ungheria e dall’Olanda di Geert Wilders. A questo gruppo si potrebbe aggiungere anche la Francia, visti i recenti risultati delle primarie che mostrano come anche il paese transalpino non è rimasto immune al populismo di Marine Le Pen. La candidata del Front National ha affermato che la Brexit innescherà un effetto domino sugli altri paesi, causandone la fuoriuscita o la rinegoziazione delle condizioni all’interno dell’UE.

Questi temi sono stato oggetto di dibattito alla 53 edizione della Conferenza sulla Sicurezza, svoltasi a Monaco nel febbraio di quest’anno, che ha evidenziato la debolezza della coesione tra i vari stati e l’assenza di una linea politica comune all’interno dell’Ue. Il rapporto della conferenza ha inoltre sottolineato la comparsa di sistemi anti-democratici e di campagne di false informazioni che contribuiscono a distorcere la realtà, alimentando sentimenti

L’Europa si trova attualmente a dover affrontare pericoli sia interni, come i movimenti anti-europei che si stanno diffondendo in vari Paesi, sia esterni come il terrorismo internazionale. La pax americana è sulla via del tramonto e servono nuovi misure per affrontare queste sfide. In questa ottica il 2017 potrebbe rappresentare un anno di svolta, come lo è stato il 1945, con la conclusione della seconda guerra mondiale, o il 1989 con la caduta del muro di Berlino, che ha contribuito alla fine della guerra fredda.

Reem Khalifa è una scrittrice del Bahrein.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu

Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.