Golfo News Politica Qatar Zoom

La visione del Qatar e l’alto prezzo da pagare

Qatar
Doha gestisce la crisi diplomatica riscrivendo le regole della politica e delle relazioni internazionali

Di Mohamed Salah. Al-Hayat (07/08/2017). Traduzione e sintesi di Antonia M. Cascone.

Doha sta gestendo la sua crisi secondo un modello unico e senza precedenti per far fronte ad un dilemma politico, e ciò si aggiunge alle conseguenze -sottovalutate- del dilemma stesso. Quattro Stati (Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Bahrein) hanno messo in guardia il Qatar sulla necessità di smettere di sostenere il terrorismo e di abbracciare i suoi simboli, di porre fine al linguaggio d’odio e di non interferire ulteriormente nella sicurezza del Golfo, e in generale del mondo arabo. La risposta del Qatar è stata al contrario una ferma determinazione nel continuare a sostenere il terrorismo e i suoi simboli e nell’ampliare le piattaforme circa il discorso d’odio, scandagliando allo stesso tempo tutti gli aspetti della vita di questi quattro Paesi e sfruttandoli al fine di diffondere discordia, salvo poi rifugiarsi nella protezione dell’Iran e dell’apparato militare turco.

Il Qatar ha adottato una visione assolutamente nuova della politica e della risoluzione della crisi, basandosi su una rete di interessi sulla quale ha lavorato molto nel corso degli anni, utilizzando ovunque i Fratelli Musulmani, come cani sciolti o in quanto gruppo, per attaccare i quattro Paesi e per difendere Doha con ogni mezzo a sua disposizione.

Se ci si siede davanti alla TV a fare zapping tra i canali qatarioti, sperando di capire la situazione nel Paese, la gestione del boicottaggio, le reazioni dei cittadini all’infiltrazione della “Fratellanza” nelle frange del Principato o l’opinione sulla presenza turca, si rischia di rimanere delusi! Ma se si da un’occhiata alle decine, forse centinaia, di giornali on-line finanziati dal Qatar, si troverà abbondante materiale sulla difesa della posizione di Doha e su numerose ingiurie e attacchi contro i simboli e i popoli dei quattro Paesi sopracitati. Si noterà, inoltre, una certa compiacenza per i Fratelli Musulmani e giustificazioni per i crimini commessi da Daesh (IS), Al-Nusra o Al-Qaeda. Tuttavia, lo spazio più ampio sarà quello dedicato a scandagliare la crisi in Egitto, questo o quel problema in Arabia Saudita, la repressione negli Emirati o l’ultimo incidente stradale in Bahrein, con migliaia di inchieste e notizie “prefabbricate” su persecuzioni e torture qua e là, sulla sofferenza del cittadino egiziano, la rabbia di quello saudita, l’esasperazione del popolo emiratino e le vessazioni di cui sono vittime i bahreniti!

Si potrebbe pensare che Doha abbia dato inizio a quella che si può definire “guerra di quarta generazione”, ma la verità è che si avvale solo di strumenti, su cui ha puntato molto nel corso degli anni, per attaccare le società che mira a dividere e i regimi che cerca di rovesciare: il Qatar ha deciso, in maniera chiara, di gestire la crisi secondo un modello totalmente diverso di politica, di relazioni internazionali e di questioni regionali.

In linea generale, i quattro Paesi hanno definito le loro richieste e condizioni e non se ne discosteranno. Il Qatar resta un elemento chiave nella lotta dell’Egitto in risposta alla caduta dei Fratelli Musulmani, dopo la ribellione del popolo al loro governo e in questo caso Doha non ha avuto successo nei suoi tentativi di rovesciare il governo e di restaurare il potere della “Fratellanza”, anzi, ha dovuto pagare un prezzo molto alto per la sua scommessa persa. E dunque certo che l’esito della decisione qatariota non differirà molto dal destino della Fratellanza e una scommessa dal prezzo così alto potrebbe rivelarsi fatale.

Mohamed Salah è un giornalista egiziano.

Vai all’originale

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Arabpress.eu


Redazione

Scrivi un commento

Clicca qui per postare un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Formazione online

corsi di lingua araba

Ultimi tweet

Formazione

tangeribiz